Peste Suina, Martinelli (Assosuini): “Se crolla export a rischio settore prosciutto made in Italy”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “Il rischio grosso che stiamo correndo è di perdere un settore importante, un’eccellenza del made in Italy. La Cina già non importa i nostri prosciutti da due anni, com e anche la Corea e il Giappone. Adesso anche il Canada e se poi decideranno di fare la stessa cosa Stati Uniti, Francia e Germania che rappresentano i nostri principali mercati allora resteremo con i maiali negli allevamenti e i prosciutti nei prosciuttifici. Questo perchè il 30% dei prosciutti che si producono in Italia vengono esportati. Se crolla l’export sarà una catastrofe per i 4mila allevamenti italiani e per i trasformatori ma anche per tutto l’indotto”. E’ l’allarme che lancia, con Adnkronos/Labitalia, Elio Martinelli, presidente di Assosuini, dopo che il diffondersi della peste suina sui cinghiali anche nella zona del Parmense ha portato l’Ue a stabilire la zona di restrizione II a Langhirano, patria del Prosciutto di Parma.  

E per Martinelli “se crolla l’export le aziende non avranno alternativa che chiudere e se, guardiamo all’esempio della Germania che ha affrontato il problema prima di noi, adesso il Paese fa segnare un 20% in meno di allevamenti dopo la fine dell’emergenza”. “Questo fa capire che una volta chiusa l’attività è difficile che questa riparta dopo la fine dell’emergenza”, sottolinea.  

Secondo il presidente di Assosuini “finora il contrasto alla peste suina nel selvatico si è fatto solo in teoria, basti pensare che dopo un anno e mezzo il commissario straordinario non è ancora operativo. Si dove agire come fatto in Sardegna, dove il virus è stato eradicato con il coinvolgimento di tutte le forze in campo, a partire dai cacciatori che sono stati la chiave per sconfiggere il problema. E invece ora abbiamo un virus che corre velocissimo in Italia dove si calcola che ci siano 1,5-2 milioni di cinghiali”, sottolinea.  

Ma nonostante il virus corra tra i cinghiali gli allevamenti italiani di suinbi sono al sicuro. “I nostri allevamenti di suini, grazie agli investimenti fatti dagli allevatori in materia di recinti e barriere e anche con i controlli che vengono fatti di continuo, sono super sicuri. Ricordiamo che la peste suina non si trasmette all’uomo ma colpisce cinghiali e suini, si propaga velocemente e porta nel 90% dei casi alla morte degli animali. Detto questo, i nostri prosciutti sono sicuri e super controllati ma questo non interessa al mercato che non intende rischiare”, conclude Martinelli. 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nuovo Toyota Land Cruiser 250, forza e affidabilità

Articolo successivo

Driverso: in Ue fatturato a 169 mln per car hiring d’alta gamma, 45 mln in Italia

0  0,00