Malattie rare, ematologa Di Gregorio: “Dobbiamo rendere persone ‘emofilia mind free’”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “Dobbiamo rendere le persone che soffrono di emofilia ‘emofilia mind free’. E le abbiamo in parte rese tali grazie alle nuove terapie che si vanno sviluppando. Questo è reso possibile non solo dai farmaci, ma soprattutto dalla capacità di tutti coloro che sono intorno al mondo dell’emofilia”. Sono le parole di Patrizia Di Gregorio, ematologa e direttrice del Servizio di Medicina trasfusionale della Asl Vasto-Chieti, a margine del terzo appuntamento del progetto ‘Let’s Talk’ di Sobi, lanciato lo scorso ottobre per approfondire argomenti di attualità e prospettive inesplorate nel contesto delle malattie rare. Al centro del terzo talk l’inclusione e la possibilità per le persone con malattie ematologiche rare di avere un’elevata qualità della vita.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Innovazioni tecnologiche nel trattamento del diabete: ottimizzazione della qualità di vita e accesso equo in Centro Italia

Articolo successivo

Malattie rare, Petruzzelli (Lampada di Aladino): “Bene progresso in terapie ma manca presa in carico persone”

0  0,00