Dal Cdm due provvedimenti su materie prime critiche e spazio

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Due importanti provvedimenti legislativi" sono stati approvati nel Consiglio dei ministri "e riguardano il futuro del nostro Paese: il primo è un decreto legge sulle materie prime critiche, quindi riguarda il sottosuolo, con tutto quello che di prezioso c'è, il secondo è un disegno di legge e riguarda lo spazio". Lo ha detto il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, nella conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri. "Il primo decreto adegua la normativa nazionale sul settore minerario agli obiettivi e agli standard europei – ha aggiunto – al fine di consentire al nostro continente di avere gli elementi che servono alla tecnologia green e digitale, questo provvedimento propone un nuovo approccio di sistema all'approvvigionamento di materie prime critiche strategiche, viene avviato un programma nazionale di esplorazione, vengono semplificate le procedure autorizzative e rafforzato il fondo nazionale del Made in Italy che ha una dotazione iniziale di un miliardo di euro". Dal suolo allo spazio: "È un disegno di legge previsto dalla manovra economica, una legge quadro che ci pone all'avanguardia tra i grandi player globali, regolamentando l'attività sullo spazio, sia quella realizzata dall'Italia, sia dall'estero realizzata da imprese italiane, è di impulso significativo per l'economia sullo spazio. Colma alcune lacune ultradecennali – ha spiegato il ministro Urso -, tanto più oggi visto che sullo spazio vanno anche gli attori privati. È una legge che prevede come sviluppare l'impresa italiana sullo spazio". – Foto: Agenzia Fotogramma – (ITALPRESS). xc3/sat/red 20-Giu-24 19:15

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

“Gay nei forni crematori” candidato sindaco Torre Annunziata si ritira dopo frase choc

Articolo successivo

Salvini: “Volevano fare fuori Lega? Qualcuno diceva tanti nemici tanto onore…”

0  0,00