Cosa dicono le elezioni comunali sullo stato di salute dei partiti

Politica

Condividi!

Torna lo scontro tra centrosinistra e centrodestra che approfittano dell’incapacità del Movimento 5 Stelle di farsi forza di governo sui territori.

In quasi tutte le città più grandi dove ieri si è votato per l’elezione dei sindaci si andrà ai ballottaggi, perché nessun candidato ha ottenuto il 50 per cento più uno dei voti necessario per vincere al primo turno. I ballottaggi riguarderanno soprattutto centrosinistra e centrodestra, in alcuni casi liste civiche, ma non il Movimento 5 Stelle che è andato peggio del previsto anche dove solitamente raccoglieva molti consensi. Confrontati con i successi alle comunali di un anno fa, quando fece eleggere propri sindaci a Roma e Torino, i risultati del M5S sono stati deludenti: nel complesso va comunque ricordato che a parte qualche eccezione, il Movimento ha sempre faticato nelle elezioni locali rispetto a quelle nazionali. In molte città dove ci saranno i ballottaggi, sia il centrodestra sia il centrosinistra si sfideranno quasi alla pari, conferma di una ripresa del centrodestra dopo i declini degli ultimi anni.

«Il centrodestra, se si presenta unito, è in grado di riprendere l’elettorato perduto e di guadagnare perfino qualcosa di nuovo, nonostante sia mancata e manchi però una figura trainante della coalizione», è l’analisi di Benedetto Ippollito per Formiche.

«Se il risultato complessivo dovesse essere confermato, per il centrodestra si riaprirebbe la prospettiva di una reunion mentre per il centrosinistra quello di un problema scissione da superare. In ogni caso gli elettori hanno confermato che il tripolarismo non è ineluttabile ed esiste unicamente se scompare il bipolarismo, ossia se PD e FI non decidono di essere alternativi».

 

 

«Mentre in Francia la situazione che emerge dalle legislative è chiara, in Italia i risultati non sono facili da decifrare  – è il commento di Ilvo Diamanti sul sito di Repubblica  –. C’è un ritorno al passato con un confronto tra centrosinistra e centrodestra che esclude i 5 Stelle. Il Movimento si è imposto alle elezioni politiche, ma ha un problema a livello territoriale dove i candidati sono poco visibili e diventano invisi al leader appena acquistano notorietà».

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.