Omicidio di Maria Grazia Cutuli, condannati a 24 anni i due imputati afghani

Cronaca In Rilievo

Condividi!

La sentenza della prima Corte d’Assise di Roma ha condannato a 24 anni di reclusione gli afghani Mamur e Zar Jan per l’omicidio della giornalista del Corriere della Sera Maria Grazia Cutuli.
Confermato al processo il movente politico dell’agguato: la giornalista fu vittima di una vera e propria esecuzione, un dato evidenziato anche all’epoca dai giudici della Cassazione, pronunciatisi nel merito.

I due imputati, collegati in videoconferenza dal carcere di Kabul, dovranno risarcire i danni pari a 250mila euro ciascuno alle parti offese Rcs e familiari della giornalista. 

Il pm Nadia Plastina, a conclusione della requisitoria aveva chiesto la condanna dei due imputati a 30 anni di reclusione ciascuno perché colpevoli di omicidio e rapina. Quest’ultima accusa si riferiva al furto, insieme con altri ancora non identificati, di una radio, un computer e di una macchina fotografica appartenuti alla giornalista.

«Uccisero la Cutuli e gli altri, colpiti alle spalle a colpi di kalashnikov, e poi si divisero il bottino — ha dichiarato il pm —. Fu un’azione audace e clamorosa messa a segno in un territorio in cui sapevano di godere di complicità».

 La Cutuli si trovava in Afghanistan nel convoglio con altri tre colleghi quando furono attaccati, a 90 chilometri da Kabul, da uomini armati . Nell’imboscata persero la vita anche il reporter dello spagnolo El Mundo, Julio Fuentes, il cameraman australiano, Harry Burton e il fotografo afgano Azizullah Haidari, entrambi dell’agenzia di stampa Reuters

Cutuli negli ultimi giorni aveva coperto la zona di Jalalabad, e con Fuentes aveva raccontato del ritrovamento di alcune fialette di Sarin, il terribile gas nervino usato dai terroristi giapponesi nel metrò di Tokyo.

 

Tagged
Vittorio Zenardi
Direttore Responsabile

Lascia un commento