Lannutti (M5S): “Berlusconi è il nuovo Monti, creano leader in provetta”

Interviste

Condividi!

Silvio Berlusconi per l’Europa è il nuovo Mario Monti? Non ha dubbi Elio Lannutti presidente dell’Adusbef (l’Associazione che tutela gli utenti dei servizi bancari e finanziari) e candidato al Senato con il Movimento 5Stelle che intervistato da Lo Speciale commenta la nuova deriva filo-berlusconiana dell’Europa. Deriva caratterizzata da apprezzamenti dei vertici della Ue e dei principali media stranieri che pure in passato non hanno mancato di evidenziare la scarsa credibilità del leader di Forza Italia. Che sta succedendo? Perché questa riabilitazione?

Lannutti, Berlusconi per l’Europa è il nuovo Mario Monti?

“Non c’è dubbio. Tutto dipende dall’ossessione che l’Europa, in mano a quelli che io definisco cleptocrati, ha nei confronti del M5S. Sono pronti a riabilitare tutti, anche a resuscitare le mummie egiziane se ne avessero l’opportunità, pur di fermare la nostra avanzata. Ricordo benissimo quando Merkel e Sarkozy ridevano di Berlusconi. ricordo bene quando la Deutsche Bank vendeva i titoli di stato italiani innescando la crisi dello spread e la nascita del governo Monti. Ricordo tutto”.

Però sembrano non ricordarlo in Europa visto che oggi è corsa a riabilitare l’ex premier

Le sembra un caso che Berlusconi ogni giorno vada in televisione ad attaccare, solo ed esclusivamente, il M5S definendolo una setta? Mettendo in evidenza come i 5S sarebbero tutti ragazzotti senza né arte, né parte? Non è forse questa un’ossessione? O molto più semplicemente tutto questo accanimento contro di noi è motivato dal fatto che a differenza sua non andiamo a baciare le pantofole della Merkel? Pantofole che in verità hanno baciato tutti”. 

Anche i grandi giornali stranieri però si sono accodati al coro di riabilitazione. Sembrerebbe quasi un complotto. Eppure non era Berlusconi a denunciare di essere stato fatto fuori da un complotto europeo?

E’ vero, Berlusconi è stato l’ultimo premier eletto democraticamente dagli italiani, ed è stato fatto fuori da un golpe chiamato rating. Ma è stato anche condannato in via definitiva e fatto decadere da senatore. Oggi questa troika europea che pretende di annettere i popoli alla sua dottrina totalitaria è pronta ad accettare anche lui pur di non far andare il M5S al governo. Prima hanno messo Monti, poi Renzi, infine Gentiloni che ora scende in campo facendo campagna elettorale. Tutti uniti contro di noi che siamo l’ultima speranza per questo Paese”.

Socialisti e popolari, centrodestra e centrosinistra, insomma gli uni o gli altri purché non vinca il M5S. Pensate di resistere con un siffatto fuoco di sbarramento?

Abbiamo fiducia negli italiani che certamente non si faranno dire per chi votare da un signore come Moscovici che dopo aver distrutto il socialismo francese, insieme al banchiere Attali ha costruito in laboratorio l’uomo in provetta Macron. Vogliono in pratica costruire anche in Italia altri leader in provetta, burattini nelle loro mani da utilizzare contro gli interessi dei popoli. Guardate Gentiloni: ha ricevuto Macron e Soros in Italia con tutti gli onori. Quello stesso Soros che altri paesi hanno classificato come indesiderato. C’è altro da aggiungere? Stavolta però hanno fatto i conti senza l’oste, cioè noi”.

 

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.