Le più belle in corsa per il nuovo Parlamento. Chi sono

In Rilievo Politica

Condividi!

L’hanno già ribattezzata la “carica delle più belle”, perché se è vero che tutti i partiti nella selezione delle candidature sembrano aver privilegiato esperienza, competenza e qualità, anche un tocco di bellezza non se lo è fatto mancare nessuno.

Il primato per il momento sembra esserselo aggiudicato il Movimento 5Stelle schierando in Campania Alessia D’Alessandro la più gettonata via social. La candidata pentastellata ha 28 anni, è originaria di Agropoli, il collegio uninominale dove sfiderà un fedelissimo del governatore Vincenzo de Luca.

Lei però  da circa cinque anni vive in Germania dove lavora nel Centro Ricerche economiche della CDU, il partito di Angela Merkel. Bella sì  (avrebbe posato spesso come modella), ma soprattutto preparata sui temi economici e sulle politiche europee che segue da un osservatorio certamente privilegiato. Insomma, è bella, affascinante, sensuale ma molto lontana dal modello “velina” o “pupa” che a prima vista uno potrebbe immaginare.

Il Partito Democratico ha risposto con Francesca Barra, nota giornalista tv candidata in Basilicata. Anche in questo caso bellezza e professionalità sembrerebbero convivere in questa quarantenne, laureata in Scienze della Comunicazione proprio con una tesi sul ruolo delle donne in politica. Al suo attivo diverse partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici che, almeno in questo, possono dirsi assolutamente trasversali; la Barra ha lavorato infatti al tg de La7 curando anche la rassegna stampa estiva della trasmissione Omnibus, a Sky Tv con il programma Cani, Gatti & Co, su Canale 5 con Matrix e su Rai 3 con Cominciamo Bene Prima. 

Non poteva essere da meno Forza Italia che a sua volta ha risposto con un tris di ex miss e una tronista.

Ecco spuntare la mancata Miss Italia del 2005, Matilde Siracusano, che è anche nipote dell’ex ministro forzista Antonio Martino. Sarebbe stato lui a caldeggiarne la candidatura anche se va detto che negli ambienti azzurri non era propriamente una sconosciuta. E infatti lei, che ha 33 anni, si arrabbia se ricordano il suo passato da Miss, roba vecchia, acqua passata. Preferisce evidenziare il suo impegno politico, la sua lunga gavetta alla Camera dei deputati come assistente parlamentare, e il suo programma incentrato molto sulla difesa delle forze dell’ordine.

Segue Ylenia Citino, trent’anni, protagonista nel 2011 di sei puntate della trasmissione Uomini e donne, già candidata alle ultime elezioni europee. Quando è stata avvistata nel quartiere generale di Forza Italia dove è andata a sottoscrivere l’accettazione della candidatura pare essersi molto arrabbiata con i cronisti che avrebbero insinuato una sua candidatura, in quanto ex tronista, piuttosto che come militante attiva di Forza Italia sul territorio.

Infine Annaelsa Tartaglione, 28 anni, concorrente di Miss Italia nel 2007 ed attuale coordinatrice regionale nel Molise, candidata ad  Isernia.“Quanto conta la bellezza? Spesso avere un bell’aspetto è più una spada di Damocle che un vantaggio” ha risposto ai giornalisti che le hanno ricordato la sua partecipazione al concorso nazionale di bellezza.

Insomma, la bellezza probabilmente non sarà stato l’elemento essenziale che ha portato i leader politici a scegliere una certa candidata rispetto ad un’altra, ma difficile pensare che l’aspetto non abbia fatto la differenza. Ma non ditelo alle dirette interessate, che quasi quasi di cotanta bellezza ne avrebbero addirittura fatto a meno. Vacci a credere!

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.