/

#RimborsopoliM5S, la “rete grillina” in rivolta (ma c’è chi giustifica)

4 minuti di lettura

Dopo il video de Le Iene, prima lanciato, poi censurato per par condicio, e alla fine pubblicato sul web “perché la legge non lo impedisce”, si è aperta una vera e propria bufera sui 5Stelle. Secondo l’Ansa dai primi controlli emergerebbero non solo parlamentari ma anche consiglieri e europarlamentari che versano sul proprio conto i rimborsi e di fatto si intascano alcune somme che invece promettevano di restituire secondo l’editto di Rousseau-Grillo.

LEGGI ANCHE L’ULTIMA INTERVISTA AD ANGELO TOFALO SULLE LISTE M5S

La rete ovviamente non ha affatto reagito bene allo scandalo, tanto che sui social l’hashtag #RimborsopoliM5S è diventato subito di tendenza e ha raccolto nel giro di poche ore migliaia di tweet di utenti imbufaliti e, ovviamente, ironici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Fake news del centrodestra su famiglia e unioni civili: un vecchio giochetto

Articolo successivo

Vaccini obbligatori, nessuna proroga: da marzo le sanzioni per i genitori

0  0,00