Il VIDEO del Pd con Renzi in bicicletta spopola sul web: l’ironia social

5 minuti di lettura

Matteo Renzi, segretario del PD, è stato testimonial del nuovo spot per il Partito Democratico in vista delle elezioni del 4 marzo. A svelarlo è stato lui stesso con un tweet, postando il videospot su Twitter con la raccomandazione: “Il #4marzo la sfida è importantissima. Non fermarti, adesso. #Avanti #pensaci”.  

Comunque, stavolta, il Pd non lo voto. Dimmi una sola cosa buona che ha fatto in questi anni”. Esordisce il padre, subito moglie e figli elencano i motivi del voto, ovvero le cose fatte dai governi a guida dem, dall’eliminazione dell’Imu prima casa alle unioni civili, dagli 80 euro al bonus cultura per i 18enni, dalla legge contro il caporalato a quella per il ‘dopo di noi’.

Il padre, esasperato, conclude fermandosi al semaforo: “Ho capito, basta! Comunque io il Pd non lo voto“. Ed è qui che entra in scena Matteo Renzi, che in bici si affianca all’auto dell’elettore deluso, che nonostnte il clima tiene il finestrino abbassato: Sicuro, sicuro? – chiede il leader dem facendo sobbalzare l’interlocutore affacciandosi al finestrino dell’auto dalla sua bicicletta- Pensaci”.

E intanto la moglie del segretario, Agnese Renzi, continua ad essere oggetto di polemiche. La Landini infatti è stata immortalata mentre transitava a Firenze con un’autorizzazione richiesta, e concessa, direttamente dal sindaco Dario Nardella.

Matteo Renzi ha dovuto rispondere su Facebook alle accuse di Donzelli (Fratelli d’Italia) e minacciando querele:

Alcuni politici del centrodestra, anziché fare il lavoro per il quale sono pagati, hanno pedinato per giorni mia moglie. E poi hanno scattato la foto di Agnese che, tornando da scuola, sta entrando nel Lungarno Diaz, accanto agli Uffizi. Alcuni giornali e molti siti oggi ci sono saltati sopra. E scrivono: Vedete, la Casta? La moglie di Renzi passa dalle corsie preferenziali.
Chiunque conosca Firenze sa che – durante i lavori di questi mesi – quella strada è l’unico passaggio per poter tornare a casa, in via Guicciardini.
Un passaggio obbligato. Chi è residente o comunque ha il parcheggio in centro deve attraversare quella come unica strada per arrivare in Oltrarno. Deve passare di lì. A meno di non scegliere l’elicottero, ma in Piazza Pitti si atterra male.
Perché tanta malafede, perché tanto odio?
Gli stessi scrivono che la famiglia Renzi parcheggi gratis a Firenze.
Per stare a Firenze noi abbiamo affittato (come molti che stanno in centro) un posto auto in un garage. Pagando come tutti.

Non c’è pace insomma per il povero Renzi anche se “va in bicicletta”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Embraco, Fusaro: “Caro Calenda, scopri ora capitalismo ed Europa cosa sono?”

Articolo successivo

Russia, suicidio choc di due sorelle (12 e 15 anni): torna incubo Blue Whale?

0  0,00