Endorsement Napolitano , parla Geloni (Leu): “Gentiloni è come Renzi”

Interviste

Condividi!

“Gentiloni essenziale per la governabilità e uomo giusto per il bis” secondo l’ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Chiara Geloni, giornalista e candidata con Liberi e Uguali, intervistata da Lo Speciale spiega cosa si nasconda realmente dietro l’endorsement pro-premier del Presidente emerito ad una settimana dal voto. Intanto a sinistra prosegue lo scontro a distanza fra il Pd e Leu alimentata anche dalle recenti dichiarazioni di Romano Prodi contro Grasso e company.

LEGGI SU LO SPECIALE COSA HA DETTO NAPOLITANO E LE REAZIONI IN RETE

Geloni, Napolitano ha detto che Gentiloni è l’uomo giusto per fare il bis. Una mossa anti-Renzi o a favore delle larghe intese?

Non mi stupisce questa sortita conoscendo le idee di Napolitano. Mi sembra perfettamente in linea con le scelte da lui fatte quando stava al Quirinale”.

Però c’è chi dice che lanciando Gentiloni, l’ex Presidente abbia voluto bocciare Renzi come leader del Pd e come candidato premier. E’ credibile questa tesi?

“Napolitano si illude sicuramente che Gentiloni possa rappresentare una proposta alternativa al renzismo, ma questo argomento lo trovo poco convincente. Di sicuro la stima dell’ex Capo dello Stato nei confronti del segretario del Pd è molto diminuita”.

E a chi dice invece che Napolitano già guardi al dopo voto e alle larghe intese?

“Si, ci può stare anche questo”. 

Per altro dopo l’endorsement fatto in favore del referendum costituzionale che tutti sappiamo come è finito, non manca chi dice pure che il Presidente emerito rischi di bruciare il suo prediletto anziché rilanciarlo. E’ d’accordo?

Napolitano, così come Prodi, temo abbiano una lettura della situazione molto poco adeguata. Si accontentano di soluzioni e risposte deboli rispetto alla reale situazione creata dal renzismo in questi anni e dimenticano che la reazione dell’elettorato è stata invece negativa”.

Dal Pd negli ultimi giorni si è fatto più insistente il pressing contro di voi e in favore del voto utile. Un voto a Leu dicono, è un voto utile soltanto a Berlusconi e Salvini. Come risponde?

“Loro con il centrodestra ci stanno già, anzi li hanno pure candidati quelli del centrodestra che fino a ieri stavano alla corte di Berlusconi. Sono loro che si stanno apprestando a fare un governo con il centrodestra, mica noi. Mi pare evidente che in un simile scenario l’unico voto utile a sinistra è quello dato a noi”.

Il senatore Esposito ha addirittura detto a Lo Speciale che riuscirete a mala pena a raggiungere il 4%. 

“Lo considero un augurio scaramantico. Che dire? Tanti auguri anche a loro”.

 

Tagged