Crosetto (FdI) choc: “Camera ai 5S? Non assicuro mio voto, ho una coscienza”

Politica

Accordo raggiunto in casa centrodestra: presidenza del Senato a Forza Italia e governatore del Friuli Venezia Giulia alla Lega. Tuttavia non va giù a molti l’asse fra Salvini e Di Maio che dovrà portare un grillino alla presidenza di Montecitorio. E Guido Crosetto parlamentare di Fratelli d’Italia lo fa capire chiaramente a Lo Speciale. Alla fine il centrodestra, salvo imprevisti colpi di scena della giornata, marcerà unito sulla presidenza delle camere, anche se resta da sciogliere il nodo della candidatura di Paolo Romani a Palazzo Madama. Il candidato resta al momento lui, anche se il M5s ha posto un veto in virtù di una precedente condanna cui il capogruppo azzurro al Senato sarebbe incorso per un presunto utilizzo improprio di un telefonino istituzionale. In casa azzurra sarebbero in ogni caso già pronte le alternative.

LEGGI SU LO SPECIALE GLI ESITI DEL VERTICE DEL CENTRODESTRA

Crosetto, soddisfatto del vertice di ieri?

“Direi di sì”

Avanti con Paolo Romani per il Senato?

“Il candidato di Forza italia è lui almeno formalmente. Abbiamo convenuto che la presidenza di Palazzo Madama vada ad un azzurro”.

Ma c’è il veto del M5s?

“Questo è un problema di Forza Italia. Dovranno risolverlo loro”.

Ma è giusto che i 5S incassino la presidenza della Camera, bocciando nel contempo i vostri candidati?

“Non è giusto affatto, anche perché la vicenda in cui è coinvolto Romani è una sciocchezza. Una condanna che non è neanche definitiva per l’utilizzo di un telefonino le cui spese sono state pure rimborsate. Non facciamo ridere”.

La Lega ha dato semaforo verde ad un forzista per il Senato, ma nel contempo ha rimesso in discussione l’accordo nel Friuli Venezia Giulia. Il candidato governatore sarà Massimiliano Fedriga. Avete convenuto anche su questo?

“Fedriga lo abbiamo sempre sostenuto. Ci piace e quindi siamo soddisfatti che la candidatura sia toccata a lui”.

Fratelli d’Italia oggi è più in sintonia con Berlusconi o con Salvini?

“Siamo in sintonia con il centrodestra unito e siamo gli unici che abbiamo detto a chiare lettere che non saremo disponibili a governi che non siano espressione della coalizione. Direi che siamo la colla del centrodestra”.

Però Salvini sembra sempre più orientato verso un’ipotesi di governo con il M5S e anche Berlusconi non sarebbe più tanto pregiudizialmente contrario. Voi invece?

“Il boccino è nelle mani di Salvini. Oggi non credo si possa dare nulla per scontato. Tutto può cambiare nelle prossime settimane”.

In meglio o in peggio?

“Non lo so. Noi siamo per portare avanti il programma del centrodestra. Chi vorrà sostenere il governo dovrà venire sulle nostre posizioni. Noi non ci spostiamo”. 

Intanto dovrete votare il candidato del M5S a Montecitorio. Eravate contrari fino a poche ore fa?

“Questo lo chieda ad altri di Fratelli d’Italia non a me”.

E a chi?

“A chi esprime la posizione ufficiale di Fratelli d’Italia, che è favorevole a votare un candidato 5S”.

Perché, lei non lo è?

“Ci devo pensare”.

Potrebbe non votarlo?

“Sto riflettendo. Sono dell’idea che un parlamentare debba rispettare le decisioni assunte dal partito, ma nello stesso tempo non possa andare contro la propria coscienza”.

E la sua coscienza cosa le consiglia?

“Non lo so. Come detto sto riflettendo. Ho dei dubbi sul fatto che una camera possa essere affidata a chi ne ha distrutto la legittimità. Avendo un alto senso delle istituzioni mi sto chiedendo se sia opportuno darla in mano a chi in questi anni ne ha gravemente minato la credibilità istituzionale, dicendo addirittura di volerla rivoltare come una scatola e dipingendola come centro di clientelismo e malaffare. Una cosa è certa. Non approfitterò del voto segreto. Se deciderò di non votare il candidato 5Stelle lo dichiarerò alla luce del sole”. 

Condividi!

Tagged