“In FI chi odia gli elettori?” Toti choc su esclusione Sardone da Giunta

Politica

Condividi!

Lombardia sotto choc per l’esclusione di Silvia Sardone dalla Giunta. E Forza Italia scricchiola. Ogni giorno di più.

“Se prendere oltre 11 mila preferenze, come Silvia Sardone, se essere la donna più votata in Lombardia e arrivare secondi nella lista, se espugnare la roccaforte rossa di Sesto San Giovanni non basta per meritarsi un posto nella giunta regionale, difficile dire cosa siano il merito, la militanza, l’impegno e la partecipazione in Forza Italia. Ma chi è nel nostro partito che odia tanto gli elettori?”. E’ il duro post su Facebook di Giovanni Toti, presidente della regione Liguria che non ci sta a veder affossato il merito.

Ma è chiaro che nel girone dell’inferno elettorale, il presidente della Regione Liguria salva la Lega, con i suoi auguri al neo eletto Fontana: “Ciò detto, in bocca al lupo all’amico Presidente Fontana: sono certo che farà il bene della Lombardia”.

Il clima è incandescente nel centrodestra, solo qualche giorno fa il parlamentare azzurro ed ex sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo uno dei “volti nuovi” del partito, chiamato a pronunciarsi sull’idea del partito unico di centrodestra che piacerebbe tanto a Giovanni Toti (ed è per questo che ultimamente è molto critico) aveva dichiarato: “Un partito unico escluderebbe necessariamente almeno una parte degli elettori che ci hanno votato perché alleati leali, ma distinti. Voglio essere più chiaro: il nostro futuro si chiama Forza Italia. Nei prossimi mesi ed anni, proprio per la confusa situazione politica che si è determinata, vi sarà ancora più bisogno di una forza tranquilla, responsabile, coerente, in grado di influenzare gli indirizzi politici e di governo del Paese. Attueremo una profonda riorganizzazione del nostro movimento politico, e una nostra più capillare presenza sui territori, valorizzando i nostri amministratori, i nostri dirigenti migliori e più fedeli”.

Sempre sul Corriere Francesco Verderami aveva scritto che i moderati erano ormai senza rotta, questo proprio il giorno in cui Berlusconi aveva detto che intendeva investire sul futuro di Forza Italia e dalle colonne del Corriere della Sera aveva parlato di profonda riorganizzazione del movimento.

Su quali basi è la nostra domanda? Domanda per ora senza risposta.

Tagged