#pdchiediscusa, l’ov is l’ov, è nato prima l’uovo del razzismo? La rete spietata sul caso Daisy

Politica

Condividi!

#Daisyosakue è l’hashtag del momento insieme a #Pdchiediscusa. D’altronde è stato scoperto che quelli che aveva definito nazisti, fascisti, razzisti erano ragazzi bene (forse annoiati) di Moncalieri, e che uno sarebbe anche il figlio di un consigliere Pd.

La rete se la ride, sfotte. E riflette.

E’ stato l’uovo, si chiede qualcuno? Perché oggi nessuna trasmissione televisiva parla di quanto scoperto ieri dagli inquirenti. Agorà Rai che al caso aveva dedicato un’intera puntata, oggi ha parlato di Olimpiadi e di decreto dignità. La7 idem.

Ma per Lia Quartapelle, che non arretra dal suo approccio sul razzismo, la questione rimane in piedi, e questo è il suo ragionamento: “Figlio di un esponente del Pd o no, lo sfregio delle uova contro #Daisyosauke resta gravissimo dentro un quadro di crescente violenza e xenofobia. Solo oggi pestato un ballerino di colore a Palermo e aggredito a Milano #Nascimbeni al grido di “comunista”. Il silenzio di Salvini preoccupante”.

Inutile girarci intorno però, l’affare Daisy Osauke si è rivelato un Epic Fail con effetto boomerang per la sinistra (PD e renziani in testa). La teoria del “ritorno del fascismo in Italia” è caduta sotto i colpi della realtà, che come è noto non serve l’ideologia e se ne sbatte dei colori politici.  Non si capisce perchè, però, continui ad essere perennemente alimentata se così controproducente. Un tempo si diceva, “accecati dall’ideologia”. Non vedere, non sentire, non vivere più a contatto con il reale. 

A meno che non si voglia ora giudicare il figlio del consigliere piddino lanciatore di uova come un neo-nazi-fascio-lega-grillino.

E allora qual è la strategia dei media assoggettati al pensiero unico? Magicamente derubricare il gesto da “nazista” a “goliardata”. I tizi prima erano “razzisti”, ora sono semplicemente “idioti”. Oppure non parlarne proprio, che è meglio. 

Ma in rete no, non perdonano. E si fermano anche sui precedenti penali riconducibili alla famiglia dell’atleta. Ma non conta questo. Il punto è un altro.

E’ che il Pd, se continua con queste uscite, assomiglia sempre più ai tragici tentativi di Willy Il Coyote di catturare Beep Beep. La perdita di credibilità è alle stelle sul web, che ora, per fare un po’ di satira, domanda ai dem: è nato prima l’uovo o il razzismo, il razzismo o l’uovo?

Tagged