Cristina Parodi fuori dalla Rai, i leghisti son proprio neri

Politica

Condividi!

Parola dei parlamentari della Lega Paolo Tiramani, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Igor Iezzi, Giorgio Bergesio, Simona Pergreffi e Umberto Fusco: “Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo. E, soprattutto, lasci la Rai. Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista e moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radio-televisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e ciò non è giustificabile. Ne chiederemo conto in Commissione di Vigilanza Rai con un’interrogazione” cita la nota.

Tutta colpa di una trasmissione, i Lunatici su Rai Radio2, dove la giornalista che attualmente conduce ‘La prima volta’ su Rai 1 ha dichiarato senza prevedere la reazione: “A cosa è dovuta l’ascesa di Salvini? All’arrabbiatura della gente. Al fatto che probabilmente non è stato fatto molto di quello che era stato promesso di fare. È dovuta alla paura e anche all’ignoranza. Mi fa paura vedere un tipo di politica che è basata sulla divisione, sui muri da erigere”.

Cristina vorrebbe una politica che “andasse incontro ai più deboli e che aiutasse questo Paese a risollevarsi in un altro modo”, non rendendosi conto che in questa fase storica parlare di certe fasce sociali, senza farne parte, può essere molto pericoloso. E infatti la rete ha iniziato a dire la sua, puntando tutto (come era prevedibile), sugli attacchi al marito sindaco dem ed ex manager di Magnolia e quindi percepito come imprenditore.

Ci scherza su Daniele Capezzone che twitta: “Attenti: se non votate come dice lei, arriva la #Parodi (pagata con i soldi del vostro canone) a dirvi (ma lei lo fa con classe) che fate più o meno schifo”. Il riferimento è a quella parte del discorso che lega il consenso alla Lega al fatto che sia dovuto “alla paura e anche all’ignoranza”… E diciamo pure che questo pensiero, molto dem, di credersi il sale della cultura non ha portato molto bene per ora ai piddini, sottolineano invece altri cinguettii.

Ovviamente c’è anche li difende con forza: “Zittire i dissidenti: prove tecniche di regime fascioleghista” e chi sottolinea come si tratti di una donna con le palle.

Il problema qui è un altro: farà bene al partito quest’uscita?

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.