viagra on line da italia in 24 ore consegna pillole day lasix viagra svizzera serve ricetta viagra dove acquistare on line augmentin antibiotico pillole farmaci equivalenti al levitra conoscete farmacie online sicure cialis generico che calcolo va fatto per il dosaggio dell'antibiotico prezzo cialis 10 mg originale in farmacia italia acquisto cialis levitra antidepressivi triciclici di nuova generazione cialis generico online viagra prescrizioni in italia farmaco levitra prezzo cialis 5 mg costo farmacia costo cialis italia antibiotico resistenza farmacisti si puo comprare il cialis senza ricetta kamagra oral jelly reale farmacia viagra generico aonlinemqzon quale antibiotico e acquistabile senza ricetta levitra mg5 e in commercio il generico si possono prendere gli antidepressivi in farmaci i farmaci antidepressivi e contro l'ansia influiscono sui rapporti sessuali el viagra lo vendeno in farmacia can you buy cialis online legally cialis aquisto online confezioni viagra originale lasix farmaco per il cuore farmaco antidepressivo più diffuso un farmaco che combatta intossicazione da antibiotico cialis giornaliero differenza pastiglie stipsi da farmaci antidepressivi dosaggi x viagra e levitra pillole tipo viagra senza ricetta

Venezuela. La verità sulla strategia eterodiretta di Guaidò

3 minuti di lettura

La verità su questa strana rivoluzione, che sembra quella dei garofani portoghesi. Il Venezuela era ancora uno dei pochi paesi estranei all’influenza Usa. E soprattutto un modello residuale di quel socialismo patriottico sud-americano, retaggio delle ideologie guevariste e castriste alla Lula. Quindi, la prima impressione è che il tutto faccia parte di una strategia americana, politica, anzi geopolitica e soprattutto economica.

Ha destato sospetti, infatti, l’immediato appoggio di Trump a Guaidò, un personaggio di terza fila, spuntato quasi dal nulla a interpretare i bisogni e le aspirazioni del suo popolo.
Poi, abbiamo notato la reazione orgogliosa di Maduro, a sua volta appoggiato da Russia e Cina.
E l’Europa, come al solito, sta nel mezzo: oscilla tra due posizioni e chiede libere elezioni, per chiarire i dubbi sulle reali proporzioni delle forze in campo: i fan di Guaidò e quelli di Maduro.

Come, al momento stanno facendo Chiesa ed esercito, in bilico tra indicazioni di massima (più la Chiesa), e tentazioni di lasciare la mano, abbandonando il dittatore (più l’esercito).
Il tema neanche tanto nascosto è il petrolio e il suo controllo. Gli Usa hanno messo le sanzioni alle compagnie Pdsva e Ctgo, e Guaidò ha annunciato proprio ieri che sarebbe in procinto di controllare i beni all’estero di Maduro “per evitare saccheggi ai danni del popolo”.
E dulcis in fundo, ci si sono messi pure gli italiani, specialmente quelli residenti a Caracas, a protestare: “Così Roma non ci aiuta e si dimentica di noi”.

Con questi ingredienti si annuncia la settimana che vedrà altre due manifestazioni “pacifiche” in Venezuela, che al contrario, potrebbero trasformarsi in un bagno di sangue, a meno che Maduro non ceda e accetti di fuggire all’estero, concedendo nuove libere elezioni.
Un duello tra due contendenti dentro un gioco più grande di loro, che per ora, si sta svolgendo a suon di convocazioni di massa e di tweet.

E’ strano però questo insistere sull’oro e i soldi di Maduro all’estero che “devono restare di proprietà del popolo venezuelano”. Ma se gli Usa intendono controllare il petrolio di questo paese, quale prezzo chiederanno al giovane Gauidò, una volta insediatosi?

Fabio Torriero

Come giornalista, ho attraversato la comunicazione a 360 gradi (carta stampata, tv, radio, web). Ho lavorato presso Cenacoli, Fondazioni (Fare Futuro), sono stato spin doctor di ministri e leader politici, ho scritto una ventina di libri (politologia, riforme etc.) e i miei direttori storici e maestri sono stati Marcello Veneziani e Vittorio Feltri. Insegno all'Università comunicazione politica. Il giornalismo online è la mia ultima vocazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’anniversario è in sordina. Non dimenticate Pamela e di fare giustizia

Articolo successivo

Sgombero Casapound, in esclusiva Di Stefano: “Cosa ribatto a Salvini”

0  0,00