Toti lancia “L’Italia in crescita”. Grandi manovre in Forza Italia

3 minuti di lettura

Sembra proprio che ormai fra Giovanni Toti e Forza Italia il divorzio sia questione di (poche) settimane.

Il governatore della Liguria, ormai da tempo critico con la gestione del partito ad opera di quello che è considerato il “cerchio magico” che ruota intorno a Silvio Berlusconi, ha deciso di fare sul serio passando dalle parole ai fatti.

Toti ha infatti convocato per il 6 luglio a Roma, al Teatro Brancaccio, un’assemblea di tutto il centrodestra intitolata “L’Italia in crescita” annunciata sulla sua pagina Facebook.

“Per chi non si rassegna al declino di un’area politica e del Paese – scrive Toti – Per chi sogna merito, competenza, impegno, democrazia. Per chi vuole una Italia in crescita. Per costruire un Paese nuovo abbiamo bisogno anche di te”. Una sorta di invito a partecipare all’evento che certamente non è stato accolto calorosamente in casa azzurra, dove molti accusano il governatore di non aver sostenuto Forza Italia alle europee giocando di sponda con Giorgia Meloni.

Il fatto è che diversi esponenti forzisti avrebbero già ufficializzato la loro presenza cominciando dall’ex sottosegretario alla Giustizia Luigi Vitali che ha dichiarato: “Parteciperò a questa iniziativa, mi auguro ci sia un’inversione di tendenza dentro FI. Auspico che partecipi anche il presidente Berlusconi, che resta l’unico leader, incontrastato e incontrastabile. Spero, però, che, interpretando le esigenze della base, stabilisca una volta per tutte le regole per selezionare la nuova classe dirigente del partito e avviare così il rilancio”.

Un invito che difficilmente l’ex premier accetterà considerando che ha già suonato il de profundis a Toti ricordandogli che tutti quelli che sono usciti da Forza Italia hanno fatto una brutta fine politica. 

Ma sono tanti i dirigenti che sul territorio lamentano una gestione autoritaria del partito e l’assenza di discussione e confronto. E l’iniziativa di Toti per molti sembra rappresentare la zattera ideale per abbandonare un partito che sta affondando dirigendosi verso lidi migliori, Fratelli d’Italia che è in crescita e la Lega di Salvini. 

Il 6 luglio il governatore ligure dovrà essere molto esplicito: andrà a federare il suo partito con Fratelli d’Italia come pensano molti, oppure darà vita ad un movimento autonomo, una sorta di partito centrista a vocazione sovranista diverso quindi da Fi? Due ipotesi che nell’ottica di Salvini e della Meloni dovrebbero avere come unico obiettivo favorire l’uscita di Berlusconi dall’alleanza di centrodestra.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

#proceduradinfrazione, la rete si divide. Colpa del Pd o dei gialloverdi?

Articolo successivo

Taormina Film Fest 2019: prima italiana del Doc ambientalista ‘Sea of Shadows’ prodotto da DiCaprio

0  0,00