Salvini a Modena resta senza aperitivo. Pub chiude “per ferie”

Politica

C’è chi dice no cantava Vasco Rossi e c’è chi dice no pure a Matteo Salvini fregandosene della facile pubblicità che il leader della Lega può procurargli.

Come nel caso di un pub di Modena, che nelle intenzioni dei leghisti avrebbe dovuto ospitare un aperitivo con il capo del Carroccio, in visita in città per la campagna elettorale delle regionali del 26 gennaio.

Il caso è raccontato da Repubblica che riporta di un’azione di boicottaggio messa in atto contro il locale proprio a causa della presenza di Salvini che al suo interno avrebbe dovuto incontrare i cittadini. Solo che i titolari del pub pare fossero all’oscuro di tutto, e il solo fatto di aver detto di non sapere nulla dell’evento prendendono le distanze, ha scatenato contro di loro le ire dei leghisti. Schiaffi da tutte le parti insomma.

Riporta Repubblica: “Il gestore del pub giura di essere stato preso in contropiede, di essere finito sul volantino della Lega senza aver mai parlato con nessuno dello staff di Matteo Salvini o con nessun esponente locale del Carroccio. ‘Salvini verrà nel mio pub? Allora è probabile che saremo chiusi per ferie. Io non ne sapevo niente – dice il titolare – Nessuno ci ha avvertiti. Qui non si fa politica e per questo saremo chiusi per ferie'”.

Ma come è possibile invitare le persone ad un incontro elettorale in un locale senza aver prima avvertito i proprietari dello stesso? Repubblica poi svela l’arcano: “L’equivoco è presto chiarito. Il segretario della Lega modenese Luca Bagnoli spiega di aver incaricato ‘uno dei nostri di avvisare il locale. Non vogliamo creare problemi e capisco la decisione del gestore. E’ una brava persona e non vogliamo che abbia dei problemi; noi il comizietto lo faremo comunque lì davanti'”.

Insomma, chi avrebbe dovuto avvertire il gestore si è dimenticato di farlo, ma intanto i manifesti erano stampati e da qui tutto il relativo caos. 

Intanto però, come detto, non sono pochi i militanti leghisti che non hanno gradito le dichiarazioni del gestore relativamente alla minaccia di chiudere per ferie il locale pur di non accogliere Salvini. Alla fine comunque la si pensi la pubblicità il pub l’ha avuta lo stesso. Poco importa se poi da oggi quelli del Carroccio si terranno a debita distanza. Vorrà dire che saranno solo sardine!

Condividi!

Tagged