Jole Santelli è morta. Una vita da guerriera dedicata al lavoro

Politica

La presidente della Regione Calabria è morta a soli 51 anni. Da tempo era malata di cancro. Ma non si capisce se si sia trattato di un aggravamento improvviso che l’ha fatta ritrovare nella sua abitazione di Cosenza o se sia stato un arresto cardiaco a portarla via.

È stata la prima donna ad essere eletta alla guida della Regione, proclamata il 15 febbraio 2020 e su di lei sono tutti concordi nel dire che era una guerriera, dedicata al lavoro e alla sua Calabria.

Lei stessa in campagna elettorale aveva detto, svelando un lato del suo carattere che oggi sembra evidente, di aver calcolato i rischi della sua malattia: “Quando una persona subisce un attacco così violento alla propria vita quando il dolore fisico si fa radicale e incomprimibile, allora quella persona ha due strade: deprimersi e farsi portare via dalla corrente, scegliere che il destino scelga per lei. Oppure attivarsi, concentrarsi e soprattutto ribellarsi. Quando Silvio Berlusconi mi offre la candidatura ringrazio felice, ma chiedo due minuti prima di accettare. Chiudo la telefonata e formo il numero del mio oncologo: posso candidarmi? Posso onorare il mandato quinquennale? Il medico risponde: non solo puoi candidarti ma mi auguro che io possa essere il tuo consulente negli anni della presidenza”.

Una donna audace insomma. La malattia l’aveva resa più forte e le aveva dato la forza per combattere almeno anche questa sua sfida. Una donna che ha dimostrato di essere una grande combattente. Non mancherà solo ai suoi colleghi di Forza Italia che in queste ore stanno comunicando le proprie condoglianze ma anche alle opposizioni che si stringono al dolore della famiglia. Da Matteo Renzi che parlato di “un pensiero commosso in memoria della Presidente Jole Santelli, una donna che ha dimostrato di essere una grande combattente. Le mie condoglianze più sentite alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi di Forza Italia”, al presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra (M5s), che ha espresso le “condoglianze ai suoi cari e ai suoi familiari. E’ una notizia che mi rammarica e mi rattrista profondamente”.

Una prematura scomparsa che lascia il segno di come il passaggio sia breve su questa terra e uniformi tutti.

 

Condividi!

Tagged