(S)fiducia-Bonafede. La strategia di Renzi, la Boschi, Marattin e Migliore

Renzi abbaia, ma non morde. Così hanno titolato tutti i giornali commentando la posizione ondivaga del capo di Iv, a proposito del sorprendente e incoerente no alla sfiducia nei confronti del ministro Bonafede. Strategia, furbizia? C’è di più. Innanzitutto, abbiamo imparato che lo storico e ormai datato duello tra “giustizialisti” e “garantisti” è incompleto, superato. […]

Continua a leggere

Premierato, Renzi lancia l’amo nel centrodestra. Giorgetti “abbocca”

Se l’intenzione di Matteo Renzi nel proporre l’elezione diretta del premier era quella di lanciare un amo nel campo del centrodestra sembra proprio esserci riuscito. Perché qualcuno da quella parte avrebbe già abboccato. E’ il caso ad esempio del numero due della Lega Giancarlo Giorgetti. Di ufficiale non c’è nulla, c’è soltanto un’indiscrezione pubblicata da […]

Continua a leggere

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull’asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo anno in occasione delle comunali di Roma con la scelta di un candidato moderato e condiviso? Parlamentari renziani in fuga da Italia Viva per tornare al Pd, pronti ad essere rimpiazzati da pezzi di centrodestra pilotati da Verdini in accordo […]

Continua a leggere

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma in che senso? Qualcuno li chiama “mediatori delle mediazioni”, “reclutati dai reclutatori”, oppure semplici reclute. Ormai negli ultimi, convulsi giochi di Palazzo, tutto si sta complicando. I cosiddetti “responsabili”, si sono ulteriormente divisi, frammentati, ripartiti trasversalmente. C’è chi va in […]

Continua a leggere

Responsabili. Renzi e Conte si sono incastrati da soli. Ecco perché

Un tempo li chiamavano “responsabili”, adesso “democratici”. Le transumanze politiche lasciano sempre in bocca un sapore agrodolce: c’è chi li chiama poltronisti, chi utili idioti, chi trasformisti, chi patrioti, chi amanti della stabilità, chi parlamentari che interpretano alla lettera la Costituzione, sull’assenza di vincolo di mandato. Ossia, il deputato o il senatore, una volta che […]

Continua a leggere