/

La caduta degli Dei… La giusta analisi simbolica in un oroscopo

6 minuti di lettura

Inoltriamoci nella lettura dei simboli e proviamo ad approfondire. Anche in previsione dei soliti pronostici di fine anno che tutti chiedono.

Una prima considerazione, direi fondamentale, è la complessità della lettura di un oroscopo o carta del cielo, che di questo si tratta, appunto, mappa del cielo, come è esattamente al momento della nostra nascita. Gli antichi popoli, tutti indistintamente, ci hanno tramandato questo studio, ricco e complesso all’inverosimile, vero o presunto che sia, il condizionale è d’obbligo come in tutti i ragionamenti seri, così da poter lasciare ad ognuno di noi le proprie conclusioni. Certo, pensare che personaggi del calibro di Imperatori e Faraoni, Papi e Cardinali, grandi studiosi e pensatori, Galileo Galilei, tanto per citarne uno, ne hanno fatto uso insieme a moltissimi altri curiosi.

Pensare appunto che tutto questo sia solo un puro gioco superstizioso, mi sembra molto riduttivo.

Certo, come in tutte le cose si possono dire e fare delle sciocchezze, ma questo è valido in ogni campo. Anche nel religioso o addirittura in teologia, si sono dette cose molto discutibili. Spesso gli uomini hanno attribuito a Dio in persona, opinioni e schieramenti di parte, molto poco attendibili a mio parere e citiamo solo Hitler, che proclamava a gran voce che Dio era con lui!

Tornando alla nostra conversazione sui segni e i loro significati, vorrei sottolineare quanto sia importante spiegare che in un oroscopo, la lettura è quanto mai complessa, molto diversa dal solito approccio.

Dire di essere di un segno, è solo il titolo di un film! Tutto il resto non è accennato nemmeno! 

Io sono del segno del cancro, quindi il sole al momento della mia nascita, transitava in quel segno.

Ma tutti gli altri pianeti erano in giro a seconda delle loro orbite in vari e diversi segni. La luna, che è la nostra componente irrazionale e percettiva, il nostro sesto senso, per così dire, era in scorpione, quindi i simboli lunari diventano scorpionici. Mercurio è la nostra mente, la nostra intelligenza, la nostra capacità di comprendere le cose, magari anche la nostra capacità di gestire un attività o semplicemente i nostri rapporti sociali. E insieme a Venere, che simboleggia l’amore, come tutti sanno, ma non solo, sono i due soli pianeti che saranno sempre, o nello stesso segno, o in quello precedente o in quello successivo, perché più vicini al sole rispetto a noi, quindi in orbite interne rispetto alla nostra.

Ma Venere è un simbolo molto più ricco e complesso nella sua letteratura. Una buona Venere può indicare anche una buona salute, che mi sembra molto interessante poter considerare.

Non solo, può essere il simbolo di un profondo senso artistico o di amore per l’arte, di una carriera in questo settore, il canto o la pittura, e molto spesso si tratta principalmente di questo, occuparsi del commercio di prodotti collegati a Venere, come i gioielli, i vestiti, o le vere e proprie opere d’arte.

Marte, sarà il simbolo della nostra forza, della nostra energia soprattutto, della lotta che saremo costretti a fare per raggiungere un obiettivo, di lavoro, di carriera e spesso di confronto e competizione con i nostri colleghi.

Giove, sarà un punto di arrivo, a volte, ma non ci possiamo mai fermare alle letture banali.

In fondo l’astrologia è secondo me, un algoritmo, un supporto al ragionamento e un confronto, soprattutto, con tutto quello che è accaduto prima di noi, per secoli e secoli, setacciato, analizzato e raccolto in dati, da poter consultare e verificare, caso per caso.

Con giove, comunque, dovremmo avere un momento di riconoscimento sociale e di gratificazione, ma spesso sarà semplicemente un nostro miglioramento di vita, un incontro importante, quasi sempre positivo, un cambio di residenza o di lavoro, o semplicemente un nuovo giro di conoscenze, con le quali avremo nuovi stimoli, o nuovi amici.

Saturno è un maestro severo, che ci chiede il conto di quanto abbiamo fatto, ma poi passati gli esami, a volte anche drammatici, ci ricompensa sempre con una pagella di buoni voti, consentendoci di ottenere risultati concreti e più durevoli, che ci accompagneranno a lungo.

Urano, Nettuno e Plutone, sono pianeti di più larga e generica lettura, difficili da affrontare in breve. Ma la tradizione antica, ci ha tramandato i dati sui pianeti che si potevano vedere a occhio nudo, come possiamo re anche noi oggi, e comunque i dati fondamentali li abbiamo accennati.

Stiamo parlando di una mole di lavoro inimmaginabile, e questo è solo l’inizio!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Digital Europe 2021/2027. Il futuro del lavoro è digitale, la Ministra Dadone ospite dell’evento online Aidr

Articolo successivo

Deutsche Bank si conferma miglior gestore patrimoniale in italia

0  0,00