/

Il gioco del silenzio: l’infanzia negata dalla guerra in un cortometraggio che Emera Film porta su CHILI

2 minuti di lettura

Emera Film torna su CHILI (www.chili.com) con un nuovo cortometraggio, Il gioco del silenzio, di Diego Loreggian e Alessandra Gonnella, prodotto da Redstring in collaborazione con il Comune di Monselice su una sceneggiatura della Gonnella e di Ezzelino Girotto. Basato su una storia vera, racconta la tragedia della morte di quattro bambini e del ferimento di altrettanti quattro, per colpa delle munizioni nascoste dai tedeschi di fronte all’avanzata degli alleati e usate incoscientemente come un gioco dai giovanissimi Sergio, Franco, Mario e Silvio e dagli amichetti Beppino, Ildemino, Lucia e Luciano. Quattro morti feroci quanto assurde perché avvenute a guerra oramai conclusa.
Protagonisti di questo lavoro sono Francesco Petit Bon, Franco Petit Bon, Marcella Braga, Elisabetta De Gasperi, Tommaso Finco, Angela Girotto, Eva Girotto, Leonardo Masin, Alberto Piatto, Lele Piovene, Chiara Pulze, Lorenzo Salvetti, Francesco Sestito, Michele Vigilante, Giacomo Vigo.

Sinossi
Nell’ottobre 1944, per fermare l’avanzata delle forze anglo-americane, i Tedeschi avevano costruito una serie di sbarramenti tra Cavarzere e i Colli Euganei, ammassando nel Monselicense una grande quantità di munizioni. Le sorti del conflitto, però, andarono diversamente e il materiale bellico non fu utilizzato. Dopo la ritirata dei nazisti, a San Cosma le granate e i proiettili abbandonati vennero spostati all’interno della scuola elementare. I ragazzi del paese, tuttavia, riuscivano a entrare attraverso una finestrella sul retro e a portare via gli ordigni. Il loro pericoloso passatempo consisteva nel togliere la spoletta e far brillare le bombe, come fossero rudimentali fuochi d’artificio. Il primo dramma si compì il 5 maggio 1945 quando, a mezzogiorno, si udì un forte boato provenire da dietro la scuola. Lo scoppio improvviso di alcune munizioni provocò la morte di Sergio Sturaro e Franco Greggio, entrambi di 10 anni. Altri due bambini rimasero feriti: Beppino Sturaro e Idelmino Biondi. L’incidente si ripeté pochi mesi più tardi, la mattina del 7 ottobre, al termine della messa del Fanciullo. L’esplosione di un proiettile spense Mario Girotto, 12 anni e Silvio Carturan, 17. Anche in questo caso ci furono due feriti: Lucia e Luciano Tresoldi.

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

AQUA FILM FESTIVAL alla Casa del Cinema di Roma e su MyMovies.it

Articolo successivo

Von der Leyen “Il 70% degli europei vaccinato entro l’estate”

0  0,00