/

Ci sono novità sui vaccini e sui farmaci anti-covid

2 minuti di lettura

Ce ne sono di novità, sui vaccini e sui farmaci anti-covid. Proprio oggi spunta sul Corriere della Sera la notizia di un “super-anticorpo” monoclonale, nato in laboratorio, in grado di prevenire e trattare i casi Covid. La scoperta sarebbe frutto di uno studio pubblicato su Nature condotto da un team di ricercatori europei, per l’Italia il San Matteo di Pavia. La Commissione Europea, finanziatrice del progetto di ricerca attraverso il commento di Mariya Gabriel, commissaria per l’istruzione, gioventù, sport e cultura della Comunità Europea, ha espresso così soddisfazione per il risultato: “Grazie al lavoro dei ricercatori finanziati dall’UE, questa nuova scoperta potrebbe prevenire e trattare i casi di Covid-19, salvando delle vite”.

Potrebbe essere prescritta ai primissimi segni di infezione e già a fine del 2021 potrebbe essere diffusa.
Ma neanche Pfizer sembra fermarsi nella lotta contro il Covid-19. Dopo il vaccino, la casa farmaceutica sta conducendo test sulla molecola antivirale PF-07321332, classificata come inibitore delle proteine, che attaccherebbe direttamente la spirale del codice genetico del SARS-CoV-2, fermando la sua replicazione nelle vie respiratorie. “Abbiamo sviluppato PF-07321332 come potenziale terapia orale che potrebbe essere prescritta ai primissimi segni dell’infezione, per evitare che i pazienti siano ospedalizzati o finiscano in terapia intensiva”, ha detto Mikael Dolsten, capo dell’ufficio scientifico e presidente della ricerca e dello sviluppo medico della Pfizer. L’azienda, si legge su Medical Facts di Roberto Burioni, starebbe mantenendo il massimo riserbo sui dettagli dei test, che avrebbero però dimostrato una “potente azione antivirale in vitro” contro il SARS-CoV-2 così come per altri coronavirus, aprendo la strada alla possibilità che in futuro possa essere curato come la comune influenza autunnale.

Introdurre un nuovo farmaco nel mercato andrà incontro alla verifica sulla tollerabilità sugli uomini, ma certo appare una strada che apre a una maggiore speranza anche rispetto alle varianti. Un’unica puntura per ogni variazione del virus è un’ottima notizia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Se vogliamo far ripartire l’economia dobbiamo prima far riprendere gli italiani

Articolo successivo

Terroristi arrestati. Ora bisogna conoscere la verità sugli anni di piombo

0  0,00