Parla Giulio Tarro: “Certi vaccini possono favorire il Covid”

11 minuti di lettura
2

Un’unica iniezione contro il Sars-CoV-2, le sue varianti più contagiose e l’influenza. Lo ha annunciato al Corriere della Sera  Andrea Carfì, capo della ricerca per le malattie infettive dell’americana Moderna, la multinazionale specializzata nella tecnologia dell’Rna messaggero. Neanche Pfizer sembra fermarsi nella lotta contro il Covid-19. Dopo il vaccino, la casa farmaceutica sta conducendo test sulla molecola antivirale PF-07321332, classificata come inibitore delle proteine, che attaccherebbe direttamente la spirale del codice genetico del SARS-CoV-2, fermando la sua replicazione nelle vie respiratorie. Insomma, una cosa appare chiara, gli attuali vaccini rischiano di non essere sufficienti ad arginare il Covid e soprattutto le sue varianti, ad iniziare dalla più temuta, quella indiana. Ne abbiamo parlato con il medico e virologo Giulio Tarro, allievo di Alber Sabin, inventore del vaccino contro la poliomielite, e proclamato miglior virologo dell’anno nel 2018 dall’Associazione internazionale dei migliori professionisti del mondo (IAOTP).

Il capo della ricerca dell’azienda farmaceutica Moderna annuncia la sperimentazione di un vaccino che con un’unica iniezione sarebbe in grado di contrastare il Covid, le sue varianti e l’influenza. Lei come commenta la notizia?

“Non mi convince affatto. Anzi, temo si tratti di una scoperta errata in partenza”.

Perché dice questo?

“Perché il Covid rischia di essere favorito proprio dai vaccini antinfluenzali. Almeno nel 36% dei casi esaminati il vaccino antinfluenzale ha provocato la diffusione del coronavirus. Associare le due vaccinazioni a mio giudizio non avrebbe alcun criterio logico. Non lo dico io, è stato dimostrato da una ricerca del Pentagono e da studi effettuati con relativi test sull’esercito americano. Noi in Italia abbiamo avuto la triste esperienza dei morti a Bergamo un anno fa, proprio laddove era stata effettuata una vera e propria vaccinazione di massa antinfluenzale sulla popolazione anziana. I numeri dei casi registrati nella zona di Bergamo coincidevano perfettamente con i risultati dello studio del Pentagono, le proporzioni erano pressoché identiche”.

Su quello studio del Pentagono ci furono però molte polemiche. La comunità scientifica ne contestò la validità e mise in discussione i criteri con cui era stato realizzato sostenendo che in realtà non dimostrava nulla

“Ma non è vero, perché altre conferme sono arrivate anche successivamente. Quando da noi era estate, nei Paesi sotto l’equatore, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Argentina dove era inverno, non è circolato il virus influenzale proprio perché c’era il coronavirus. E la stessa cosa è avvenuta da noi quest’anno, e non perché indossavamo le mascherine. Quindi starei molto attento ad escludere certe correlazioni. Con i vaccini antinfluenzali l’anno scorso il virus è circolato di più, specie dove queste sono state più invasive, mentre dove c’è stato il coronavirus non c’è stata l’influenza. Quindi mischiare i vaccini a mio giudizio non ha alcun senso e può rivelarsi controproducente”.

In riferimento alle varianti il responsabile di Moderna ha dichiarato: “Preoccupa quella identificata per la prima volta in Sudafrica (B.1.351). Si è visto in studi di laboratorio che il nostro preparato risponde cinque-sei volte meno rispetto a quanto non faccia contro il virus originale, il Wuhan, o la variante identificata inizialmente in Inghilterra”. Che vuol dire? Che gli attuali vaccini non ci proteggono dalle varianti?

“Non farei allarmismo su questo. I nuovi vaccini, specie quelli ad Rmna messaggero, si possono modulare sulle nuove varianti. Un ruolo importante possono giocarlo gli anticorpi monoclonali di nuova produzione che come è stato dimostrato possono essere facilmente adattati alle nuove situazioni”.

Anche lei ritiene necessario un terzo richiamo l’anno prossimo e altri negli anni a seguire, considerando che con le due attuali dosi gli anticorpi neutralizzanti diminuirebbero pur restando presenti sei mesi dopo?

“Su questo discorso del terzo richiamo ci sono varie opinioni in campo. Per esempio ci sono altri studi che hanno dimostrato come gli anticorpi neutralizzanti in realtà sopravviverebbero anche fino a dodici mesi. Quindi questo aspetto della terza dose rimane da approfondire”.

Anche Pfizer starebbe sperimentando un nuovo farmaco, una potenziale terapia orale che potrebbe essere prescritta ai primissimi segni dell’infezione, per evitare che i pazienti siano ospedalizzati o finiscano in terapia intensiva. Come vede questa cosa?

“La ritengo positiva, trovare dei farmaci antivirali in grado di intervenire nella fase precoce della malattia, che ricordiamo essere letale soltanto sulle categorie più fragili, è sicuramente un fatto positivo che eviterebbe il ricovero e permetterebbe di gestire il virus in casa come una normale influenza, attraverso l’individuazione di un approccio terapeutico efficace”.

Cosa pensa della diatriba giudiziaria in corso fra il Ministero e l’Aifa da una parte e i medici di base dall’altra, in merito all’obbligo di praticare una vigile attesa e al divieto di prescrivere i farmaci nella fase iniziale del Covid? 

“Hanno ragione i medici di base che in scienza e coscienza hanno il diritto e il dovere di prescrivere i farmaci che considerano appropriati. Ritengo gravemente lesivo della professione medica il divieto imposto da Ministero e Aifa, mettendo in dubbio la capacità stessa dei medici di saper decidere cosa è più o meno giusto per un paziente. Anzi, a mio giudizio se abbiamo avuto più morti per Covid degli altri Paesi europei, è dipeso anche dall’assurda decisione di imporre l’obbligo della vigile attesa e la sola somministrazione dell’eparina e della tachipirina. Qualsiasi tipo di malattia deve essere curata nella fase precoce con i farmaci che sono ritenuti dai medici più utili ed efficaci. Vietare ad un medico di prescrivere farmaci va contro i principi basilari della medicina. Anzi, mi stupisco che su questa questione non intervenga la magistratura perché a mio giudizio, nell’impedire al medico di base di svolgere il suo dovere, si ravviserebbe anche una responsabilità di tipo penale”.

Eppure dopo che il Tar aveva dato ragione ai medici di base rilevando come fosse illegittimo impedire di prescrivere farmaci, il Ministero e l’Aifa hanno presentato ricorso al Consiglio di Stato che in pratica ha riconfermato la validità del divieto. Come spiega questa insistenza nel voler a tutti i costi limitare le cure domiciliari, anche di fronte ad un ordine del giorno del Senato che chiede addirittura di predisporre un protocollo per ampliarle?

“A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca amava ripetere un noto politico. E io a costo di fare peccato voglio pensar male. E penso che tutto ciò rientri in una precisa strategia dell’emergenza rivolta a favorire la campagna vaccinale a scapito dell’approccio terapeutico. In poche parole, se si accetta che il Covid è curabile anche con una terapia farmacologica nella fase precoce, crollerebbe tutta la narrazione emergenziale circa la necessità di vaccinarsi come unica via d’uscita dall’epidemia. Forse sarò complottista, ma non vedo altre spiegazioni”.

Tutti i giorni in televisione ci mostrano le immagini dell’India con la gente morta per strada, i corpi ammassati e bruciati nelle piazze, raccontano di una vera e propria catastrofe. Dal suo punto di vista è davvero così drammatica la situazione?

“Purtroppo dimentichiamo sempre di fare le dovute proporzioni e non so se questo sia voluto o frutto di ignoranza. Perché se dovessimo confrontare le percentuali dei decessi in rapporto alla popolazione dell’India, ci accorgeremmo che in realtà sono molto più basse delle nostre. Andiamo a raccontare i mali altrui dimenticando che noi italiani per primi dovremmo cospargerci il capo di cenere per come abbiamo malgestito dall’inizio la pandemia. Non vorrei, e qui torno a fare il complottista, che tutto rientri in una precisa strategia della paura, quella che un anno fa culminava tutte le sere con i famosi bollettini di guerra delle 18. Inoltre ancora non è stato dimostrato che i vaccini attualmente in campo siano inefficaci contro la variante indiana. E’ anzi altamente probabile che possano funzionare. Il problema è che mentre ci tengono in ansia con i numeri del Covid, annunciando un giorno si e l’altro pure il pericolo di nuove ondate in arrivo e varianti sempre più letali, assistiamo a trascuratezze e ritardi nelle diagnosi di malattie ben più gravi di cui quasi nessuno parla. L’Associazione italiana di Oncologia Medica ha denunciato come vi sia un ritardo diagnostico di almeno il 30% per ciò che riguarda la cura di tumori e malattie cardiovascolari. Avevamo ottenuto con la diagnosi precoce importanti obiettivi, azzerando le differenze fra soggetti malati e quelli che potevano essere curati. Nei prossimi anni ci troveremo a dover far fronte a tutti questi colpevoli ritardi”.

2 Comments

  1. Se si fosse ascoltato il profesor Tarro all’inizio della pandemia avremmo avuto meno morti,menochiusure totali,meno aziende costrette chiudre per sempre,meno disoccupati e memo terrorismo saitario che ha consentito a chi stava alloraal governo di ospendere addiritturaldemocrazia: Oggi,grazie alpremier Draghi,una parte di questi pasaradn sanitari nonfa piu’parte del CTS e sono stati cambiati capo della Protezione Civile e commisario anticovid: Tarro non è stato solo il diretto collaboratore di Sabiin nella scoperta del vaccinoanticpolio, ma allamorte dello scienziatolo sostiuti’acapo delcentro di ricerche internazionale: E’ statoanche candidato alNobel per lamedicina,ma unvirooogonon vince un Nobel:::: ed ha salvato Napooli dal colera ,ottenendoanchericooscimenti intrenazionli .Fin dall’inizio delCovid-19 ha contestato come CTs e ministrodella Sanitàhanno gestitolapandemia e, tra ‘altro,iol fatto che si fsse bloccato l’uso del lasma dei guariti dal virus e per coninuare a fare sperimentazioni per trovare un farmaco controil covid:Solo ora le ricerche stanno andando avanti e le prime risoste stanno dando risultati positivi ed evidente che questo non va bene a chiproduce vaccini come giustamente l’ilolustre viroologo indica , un virooogo cattolico checodivise la decisione di Sabin,ebreo che intendeva oorare lamorte neilager nazsti didue suoi suoinipoti, distrbuendo gratis, come avvenna, il vaccinoantipolio:
    Sergio Bindi

  2. Si invoca un intervento della magistratura sulle storture e ricatti posti in essere contro i medici di base da bob hope&Co, ma avete presente a quale cloaca si fa riferimento?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Basket: Antetokounmpo ferma Brooklyn, altra sconfitta per i Lakers

Articolo successivo

Marotta ‘Vogliamo che Conte resti: non c’è un piano B’

0  0,00