Italiani soddisfatti ma peggiora situazione economica delle famiglie

3 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Nonostante l'anno difficile, gli italiani sono soddisfatti per la proprio vita personale ma per 1 famiglia su 3 è peggiorata la situazione economica. E' quanto emerge dal report dell'Istat "La soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita, nel 2020". Anche nelle fasi iniziali della pandemia, una quota rilevante di cittadini ha continuato a manifestare un giudizio positivo per la propria vita personale. Nella prima parte dell'anno le dimensioni della salute, delle relazioni familiari e amicali o del tempo libero, valutate nei 12 mesi precedenti, hanno continuato a soddisfare e gratificare quote elevate di popolazione. Il giudizio sulla situazione economica personale è rimasto positivo per la maggioranza delle persone, ma è peggiorato tra i lavoratori autonomi. Emergono segnali di criticità per la situazione economica familiare: sale dal 25,7% al 29,1% la quota di famiglie che dichiarano un peggioramento rispetto al 2019. Il 44,3% le persone che dichiarano un'elevata soddisfazione per la loro vita. Rispetto agli anni precedenti, in generale la crescita della soddisfazione ha riguardato gli occupati, con l'eccezione dei lavoratori in proprio. A livello territoriale, il Nord presenta la quota più alta di coloro che dichiarano un voto compreso tra 8 e 10 rispetto alla soddisfazione per la vita (48,3%), il Centro una quota intermedia (42,7%) e il Mezzogiorno la quota minore (39,8%). Nel 2020, l'89,7% delle persone di 14 anni e oltre esprime un giudizio positivo. Solo una quota residuale, l'1,5%, giudica questo tipo di relazioni per niente soddisfacente. L'impatto iniziale della pandemia non incide sulla soddisfazione per la salute. Sul proprio stato di salute l'81,6% degli individui di 14 anni e oltre esprime un giudizio positivo (molto o abbastanza soddisfatti). Nel complesso, la soddisfazione per questo aspetto della vita diminuisce al crescere dell'età e raggiunge il minimo nella classe dei 75enni e più (56,9%). La maggioranza delle famiglie giudicano invariata la propria situazione economica rispetto all'anno precedente (62,8%), tuttavia si registra un calo della percezione di stabilità (65,2% nel 2019) e un aumento di quella di peggioramento (29,1% rispetto a 25,7% del 2019). I dati del 2020 mostrano come la cautela sia ancora l'atteggiamento prevalente. Alla domanda se ci si possa fidare della maggior parte delle persone oppure bisogna stare molto attenti, il 75,3% delle persone risponde che "bisogna stare molto attenti" mentre il 23,2% è orientato a un atteggiamento di fiducia. (ITALPRESS). ror/ads/red 26-Mag-21 16:09

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pichetto Fratin “L’economia italiana tra crisi ed eccellenze”

Articolo successivo

Scoperta una relazione genetica tra la malaria e il Covid

0  0,00