Stoltenberg “Dall’alleanza Russia-Cina nuovi pericoli per la Nato”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "L'ordine fondato sulle regole, la base del multilateralismo, è minacciato. Russia e Cina ultimamente intrattengono una collaborazione sempre più intensa, sia a livello politico che militare. Si tratta di una nuova dimensione e di una seria sfida per la Nato. Ne derivano nuovi pericoli". Lo dice il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un'intervista a un'alleanza di giornali europei di cui fa parte La Repubblica. "Mosca e Pechino coordinano sempre più spesso le rispettive posizioni nelle decisioni in seno alle organizzazioni multilaterali come l'Onu – prosegue -. Inoltre eseguono esercitazioni militari congiunte, sperimentano assieme voli a lungo raggio con aerei da combattimento e operazioni marittime, ma procedono anche a un intenso scambio di esperienze sui sistemi d'arma e il controllo di Internet. La Nato è un'alleanza tra Europa e America del Nord ma dobbiamo adeguarci a un contesto di sicurezza globale che si fa sempre più competitivo. Viviamo in un'era di concorrenza globale tra sistemi". Per Stoltenberg "la Nato è l'alleanza storicamente più valida. Il suo successo deriva dalla capacità di adeguarsi a un mondo che cambia. È stato così nel post guerra fredda, dopo gli attacchi dell'11 settembre e l'annessione illegale della Crimea per mano russa. Da allora sono sorte nuove minacce, alle quali naturalmente reagiremo. Tra una settimana, al vertice di Bruxelles "Nato 2030", i capi di Stato e di governo della Nato adotteranno un'agenda che offre una risposta allo spostamento degli equilibri di potere e alle nuove sfide mondiali. Tra queste l'ascesa della Cina a potenza militare consapevole, la crescente aggressività della Russia, ma anche nuove forme brutali di terrorismo internazionale, il moltiplicarsi dei cyber-attacchi, e la sempre più ampia diffusione delle armi nucleari". Secondo il segretario generale della Nato "nessun Paese e nessun continente è in grado di affrontare queste sfide da solo. Dobbiamo mantenere la stretta collaborazione con il Nord America e restare uniti come Nato – aggiunge -. La nuova agenda "Nato 2030" renderà l'unione transatlantica ancor più stretta". (ITALPRESS). sat/red 08-Giu-21 08:47

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nets sul 2-0 con Milwaukee, buona la 1^ per Phoenix

Articolo successivo

Wwf “Il riscaldamento del Mediterraneo sta mettendo il turbo”

0  0,00