Giovannini “Addio alle auto a benzina e diesel entro il 2040”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Nel governo stiamo ancora ragionando. Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissato il limite al 2030. Altri al 2040. A luglio arriverà l'indicazione della Commissione Europea. Noi presto decideremo, ma direi che il 2040 è una data limite". Lo dice, in una intervista a Repubblica, il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini che indica una data per l'inizio dell'era in cui la mobilità sarà solo elettrica. "E' stato creato il Comitato interministeriale per la transizione ecologica – il Cite – perche' non e' immaginabile oggi avere un solo ministero che si occupi di tutto. Prendiamo ad esempio le auto elettriche: c'è il tema degli incentivi e quello di tutelare la filiera industriale. Oppure lo smart working, che ha effetti importanti sulla mobilita' perche' se tutti lo richiedono il venerdì il resto della settimana il traffico resta ingolfato". Un anno fa sembrava che saremmo andati tutti in bici. "Tutti i dati ci indicano che per gli spostamenti più brevi l'uso della mobilità dolce cresce molto. Siamo davanti a una rivoluzione. Ma ora dobbiamo capire cosa avverra' a settembre. Ho chiesto all'Istat uno studio su come le famiglie pensano di cambiare il modo di spostarsi dopo l'estate. Li' capiremo". Il Pnrr ha appena avuto l'ok dell'Europa, via libera che, secondo Giovannini, non era scontato. "La Commissione europea è stata molto attenta: per ogni progetto presentato c'è una analisi di fattibilità con uno studio molto approfondito. E il fatto che la Commissione rapidamente abbia potuto approvare il piano è il segno che era fatto bene". (ITALPRESS). mgg/red 24-Giu-21 09:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calciomercato: l’Inter studia la contropartita per avere Jordi alba

Articolo successivo

Recovery a Cinecittà. Draghi e Ursula, il gatto e la volpe. Manca la politica

0  0,00