/

31 luglio 2021: Ars Pace e Assisi Suono Sacro per l’Europa

4 minuti di lettura
Sabato 31 luglio si aprono gli appuntamenti della nuova edizione di Assisi Suono Sacro con l’evento Ars Pace Per l’Europa, organizzato e promosso da Ars Pace ed Assisi Suono Sacro con il patrocinio della Regione Umbria e del Comune di Assisi ma soprattutto con la prestigiosa collaborazione del Parlamento Europeo. Due gli appuntamenti organizzati per il pomeriggio di apertura: dopo l’inaugurazione alle ore 16:00, in cui il quadro Un colpo alla civiltà dell’artista Sofia Gandarias sarà esposto nella prestigiosa Sala Pinacoteca in Piazza del Comune (www.gandarias.es), seguono la conferenza organizzata nel contesto del Peace Deal Forum ed il concerto inaugurale del festival. 

La conferenza è organizzata per le ore 17:00, nella suggestiva cornice di Palazzo Monte Frumentario in Vicolo degli Esposti. La Conferenza sul futuro dell’Europa si inserisce nell’ambito del Peace Deal Forum, ed è arricchita dagli interventi del Presidente del Parlamento Europeo Enrique Barón Crespo, la Europarlamentare Monica Baldi, il Consigliere comunale perugino Franco Ivan Nucciarelli, la giornalista Valentina Parasecolo e la Vicepresidente dell’Associazione Svizzera per le pari opportunità ADISPO, Anna Rüedeberg. Un convegno in cui, oltre al programma Next Generation EU, verrà posta una speciale attenzione al patrimonio culturale, economico, sociale, sanitario, territorio, ambiente, arte, estetica, musica e pace.

Il concerto inaugurale di Assisi Suono Sacro rEVOLUTION, parte invece alle ore 21:30 in piazza San Rufino ad Assisi. Prevista l’esibizione dell’Ensemble Assisi Suono Sacro con il direttore creativo del festival Andrea Ceccomori al flauto e con Michele Fabrizi al pianoforte assieme all’ODM Opera Dance Music. Un progetto che, combinando le sonorità contemporanee della musica EDM (Electronic Dance Music) e della musica sinfonica e lirica, da vita ad un mix unico di due generi che, seppur profondamente diversi, riescono ad unirsi in un nuovo sound. L’unione e convivenza di due generi così differenti è inserita nel contesto più ampio degli obiettivi del festival, in cui la Pace e l’Armonia sono le colonne portanti di un nuovo modo di fare ed ascoltare la musica. Sui potenti mix EDM si incontrano il soprano Lin Wei, il tenore Stefano Gagliardi, la chitarra di Gaetano Guardino, l’elettronica di Roberto Paroni con la fonica e la regia di Francesco Sardella

Fra i contributi della serata il video del rocker spagnolo Miguel Rios che ha arrangiato per questo evento la sua personale rielaborazione dell’Inno alla Gioia di Beethoven con artisti pop internazionali come segno di Pace e Solidarietà attraverso la musica. Questa serata inaugurale prende il nome dell’intero evento, rEVOLUTION: in un gioco di parole tra rivoluzione ed evoluzione culturale, è inserita l’idea di una ripartenza rivoluzionaria e pacifica, che dopo anni di stop forzato, faccia perno sulla musica e sull’arte, che più di ogni altro linguaggio sono in grado di trasmettere un messaggio trasversale, grazie ad un linguaggio universale, condiviso e condivisibile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La Roma pareggia col Porto, Mancini in gol e animi tesi

Articolo successivo

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

0  0,00