Poste, Del Fante “Risultati frutto spirito di squadra”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Quello che ci sta dando grande forza è lo spirito di squadra e la voglia di fare da parte di tutti i dipendenti: i numeri si vedono e raccontano il nostro impegno". Commentando i numeri superiori alle attese di Poste Italiane, che chiude il bilancio del primo semestre 2021 con un utile netto di 773 milioni, in crescita del 42% rispetto allo stesso periodo del 2020, e ricavi in aumento del 14% a 5,7 miliardi, l'Ad Matteo Del Fante ha sottolineato ai microfoni del TG Poste che i ricavi del gruppo sono saliti al di sopra dei livelli pre-pandemia e sono pienamente in linea con i trend previsti dal piano strategico '24SI'. "Ora – ha detto Del Fante – rimaniamo focalizzati nel solco del piano strategico: creare gradualmente un'azienda-piattaforma che offra ai nostri clienti tutta una serie di servizi per diversi prodotti nella maniera migliore possibile". Soffermandosi sulle strategie future per continuare il percorso di crescita dell'azienda, Del Fante ha detto: "Dobbiamo coprire l'esigenza del cliente a 360°, perché ovunque quei clienti operino, in ufficio postale, online o attraverso le reti dei nostri partner, ci aiutano a diventare azienda-piattaforma e se lo diventiamo abbiamo quei ricavi che ci permettono di continuare a crescere". L'economia è in ripresa e ci sarà un percorso di uscita dalla crisi accompagnato dal Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza: "Una delle missioni del Pnrr – ha concluso Del Fante – è l'inclusione e Poste Italiane ne è un precursore. Sin dal 2018 abbiamo cominciato a parlare di inclusione, attraverso l'impegno di mantenere e rafforzare la nostra presenza nei piccoli comuni". (ITALPRESS). fil/ads/c 04-Ago-21 16:28

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Carabinieri reclutano gli studenti per la tutela dell’ambiente

Articolo successivo

450 milioni per fiere e congressi, firmato il decreto

0  0,00