Al via il ponte aereo dall’Afghanistan verso l’Italia

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "L'impegno è massimo da parte della Difesa per evacuare chi ha collaborato con l'Italia". Queste le parole del ministro della Difesa Lorenzo Guerini sul trasporto umanitario in corso dall'Afghanistan per portare in Italia gli ex collaboratori afghani e loro familiari. Il primo volo con 85 persone, tra ex collaboratori afghani e loro familiari, atterrerà nella giornata di oggi presso l'aeroporto di Fiumicino. Il personale a bordo è stato imbarcato all'aeroporto di Kabul su un C130J dell'Aeronautica Militare che era decollato dal Kuwait. Dopo uno scalo tecnico, l'aeroplano giungerà di nuovo in Kuwait, dove i passeggeri saranno trasferiti sul KC 767 per essere trasportati in Italia. Nella giornata di oggi altri due C130J decolleranno dal Kuwait per imbarcare circa altre 150 persone a Kabul, che saranno trasportate in Italia con un KC767. "Il nostro impegno è lavorare col massimo sforzo per completare il piano di evacuazione dei collaboratori afghani, degli attivisti e di chi è esposto al pericolo", ha dichiarato il ministro. La Difesa ha messo in campo per l'operazione Aquila Omnia, pianificata e diretta dal COVI Comando Operativo di Vertice Interforze, comandato dal Generale Luciano Portolano, 7 aerei, 3 KC767 che si alternano tra l'area di operazione e l'Italia e 4 C130J, questi ultimi dislocati in Kuwait, da cui parte il ponte aereo per Kabul. (ITALPRESS). sat/com 18-Ago-21 08:45

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Spese obbligate “mangiano” 43% dei consumi delle famiglie

Articolo successivo

Afghanistan, Gelmini “Ue trovi linea comune per l’emergenza”

0  0,00