P.A., Brunetta “Lo smart working non è un modello per il futuro”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Oggi chi fa lavoro agile non ha un contratto specifico, non ha obiettivi, non ha tecnologie, in più non c'è sicurezza, vedi il caso della Regione Lazio. Insomma è un lavoro a domicilio all'Italiana". Lo ha detto il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, nel corso del Question Time alla Camera. "Quello che gli analisti hanno evidenziato è che il lavoro da remoto ha funzionato durante il lockdown laddove era già regolato e strutturato, con una piattaforma digitale già esistente", ha chiarito il ministro, che ha aggiunto: "Se è così fantastico il lavoro da remoto perché cittadini e imprese sono tutti arrabbiati leggendo negli uffici periferici degli enti pubblici e privati "Chiuso per smart working?"". "Lo smart working, che è stata la risposta emergenziale al lockdown per i dipendenti pubblici, può essere pensato come modello per il futuro? Bisogna fare attenzione, perché questa modalità, costruita dall'oggi al domani spostando l'organizzazione del lavoro pubblico dalla presenza al remoto, a casa, è senza contratto, senza obiettivi, senza tecnologia. Non è smart working, è lavoro a domicilio", ha sottolineato Brunetta. (ITALPRESS). sat/red 08-Set-21 17:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, 5.923 nuovi casi e 69 decessi in 24 ore

Articolo successivo

Cannabis, primo via libera alla coltivazione in casa fino a 4 piante

0  0,00