Benzinai e gestori. Figisc e Faib: tagli accise non compensano le perdite

1 minuto di lettura

Tornano in primo piano le richieste “disattese” dei benzinai. In una nota unitaria le associazioni dei gestori Figisc e Faib sottolineano che ”il recente decreto legge che prevede il taglio lineare delle accise di 25 centesimi + Iva su benzina e gasolio, non contempla nessun meccanismo di compensazione”. I gestori degli impianti non contestano gli obiettivi del Governo in tema di aiuti e sostegni, ma rivendicano una maggiore attenzione in quando tra le misure approvate non c’è nulla che garantisca loro tutele per le perdite subite. “Fermo restando la condivisione del provvedimento, utile a calmiera il prezzo finale, a nostro avviso”, sottolinea la nota sindacale unitaria, “non si è tenuto in alcun conto delle ripercussioni causate alla categoria dei gestori”.

Depositi, prezzi e perdite

“Se esiste un quadro di relazioni particolari”, sottolinea la nota, questo è proprio quello che regola il rapporto tra gestore e fornitore-proprietario dell’impianto, dove il secondo determina il prezzo dall’inizio alla fine, dal prezzo a cui il gestore acquista a quello con cui vende al consumatore finale dietro un compenso fisso di circa 3,5 cent/litro necessario a remunerare il proprio lavoro nonché i costi aziendali, la previdenza, le tasse e l’onere finanziario dell’acquisto di una merce da lui comprata e pagata.
Gestori, il prelievo forzoso “E’ palese”, spiega l’Associazione dei gestori Figisc e Faib, “quindi, che il prodotto presente nei serbatoi dei gestori abbia subito una drastica riduzione del valore, pari a circa 10 volte il suo margine, costringendo i gestori ad una vendita sottocosto. Per fare un esempio, a fronte di 20.000 It. di giacenza, la perdita secca è di 5.000 euro: un ‘prelievo forzoso’ dai conti correnti delle nostre aziende, che in un trend di riduzione di erogati, aumento dei costi per l’energia, maggiore esposizione finanziaria derivata dal contestuale aumento per prodotti, rappresenta l’ennesimo elemento che va a peggiorare i conti economici”.

Gestori e benzinai, le tutele

Nel documento si propongono delle soluzioni. “Chiediamo pertanto”, concludono Figisc e Faib, “di valutare tutti questi elementi che ‘fotografano’ la subalternità della categoria, per mettere in atto le tutele necessarie, quali stabilire che le ‘partite’ dare/avere tra inizio e fine del citato provvedimento siano rese “neutre” tramite una compensazione che produca, a secondo del caso, una nota credito oppure una nota debito a fronte delle giacenze dichiarate”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calciomercato: Arsenal. Milan sul difensore francese Saliba

0  0,00