Confcommercio. Sangalli: imprese femminili nuovo ruolo strategico

1 minuto di lettura

Imprenditoria femminile in primo piano per Confcommercio. Prendendo spunto dall’ultimo libro della giornalista Myrta Merlino, “Donne che sfidano la tempesta”, Terziario Donna della Confederazione ha organizzato un incontro sull’importanza dell’imprenditoria femminile come settore strategico del paese.

Sangalli: nuovi ruoli e contenuti

All’evento hanno partecipato Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia; Anna Lapini, presidente nazionale Terziario Donna e l’autrice del libro. Gli onori di casa sono stati fatti dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, che ha rivolto un saluto ai presenti ricordando l’importanza delle presenza dei corpi intermedi soprattutto durante la crisi pandemica e ancora oggi con la crisi ucraina. “Messa in soffitta la disintermediazione che aveva rischiato di creare vuoti economici, politici e sociali. E i vuoti vanno riempiti di contenuti. Proprio la presenza dei corpi intermedi, quelli che io chiamo i centrocampisti collettivi ha fatto si che quella drammatica emergenza sanitaria senza precedenti che si è trasformata in un emergenza economica se non si è trasformata in un emergenza sociale”.

 

Lapini: donne competenti

Secondo la presidente di Terziario Donna, Anna Lapini, “dopo due anni di crisi sanitaria, per rimettere in piedi l’economia italiana, oggi più che mai dobbiamo necessariamente affrontare il tema dell’aumento dell’occupazione e della valorizzazione, anzi mi permetterei di dire dell’utilizzazione delle competenze delle donne, che rappresentano una risorsa fondamentale e insostituibile”.

Più solidarietà femminile

Myrta Merlino ha sottolineato che il suo, “è un libro che vuole raccontare la traversata speciale che le donne hanno fatto durante la tempesta, perché non eravamo nella stessa barca degli uomini.

L’approccio maschile è stato e ora che succede? L’approccio femminile è stato e ora che facciamo?” Secondo la Merlino, “il vero punto debole delle donne è la mancanza di solidarietà tra di loro”.

Bonetti: donne vera forza sociale

La ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti ha osservato che le “donne devono essere messe nelle condizioni di agire e di essere forza sociale”. “Abbiamo costruito delle regole strutturali”, ha detto Bonetti, “che penalizzano le donne, la politica ha il dovere di dire la verità e di non arrendersi. C’è una chiamata storica per il Paese: creare un processo che faccia sì che nessuna donna dopo di noi si faccia le domande che ci siamo fatte noi”. “La parità”, ha aggiunto la ministra, “non è un rimozione di differenze ma vuol dire che è possibile accedere in ogni ambito lavorativo”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bastianini vola nelle libere di Le Mans, Bagnaia è 5^

Articolo successivo

Calcio: Tudor “Felici di quanto fatto, difendiamo nono posto”

0  0,00