/

Energia, imprese e sviluppo. Confcommercio da Draghi. Sangalli: le nostre priorità per la crescita

1 minuto di lettura

L’evoluzione del difficile scenario internazionale e le prospettive economiche dell’Italia. Sono i due temi al centro del colloquio tra la delegazione di Confcommercio e il Presidente del Consiglio Mario Draghi.

A Palazzo Chigi c’era per la Confederazione il presidente Carlo Sangalli a capo della delegazione composta dal vice presidente vicario Lino Stoppani e dal segretario generale Luigi Taranto. Al centro dell’incontro l’evoluzione del difficile scenario internazionale e le prospettive economiche dell’Italia alla luce del protrarsi del conflitto in Ucraina e dell’impatto dell’inflazione e del caro energia su famiglie e imprese.

Caro energia e Piano Ue

A questo proposito, Sangalli ha evidenziato al presidente Mario Draghi la necessità di riproporre per il prossimo trimestre “le misure urgenti di contrasto del caro energia già varate con precedenti provvedimenti, nonché di una risposta europea attraverso un Recovery Fund energetico e la fissazione di un tetto al prezzo del gas”.

Transizione energetica

Sul versante più generale della transizione energetica, il Presidente Sangalli ha inoltre sottolineato l’esigenza di un riesame di alcune proposte recate dal pacchetto “Fit for 55” e dalla comunicazione “REPowerEU” per una piena conciliazione, a partire dal settore dei trasporti, tra gli obiettivi di sostenibilità ambientale e quelli di sostenibilità economica e sociale.

Patto per la crescita

Il Presidente Sangalli ha, infine, richiamato l’importanza di un “patto” per rilanciare la produttività complessiva del sistema Paese e rafforzare il suo potenziale di crescita. “Un impegno”, ha proposto Sangalli al premier Draghi, “che deve passare anche dalla costruzione di robuste politiche attive, dalla valorizzazione dei contratti collettivi nazionali e dei loro strumenti di welfare contrattuale, dalla riduzione del cuneo fiscale e contributivo sul costo del lavoro e da misure per detassare gli aumenti contrattuali”.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg Economia – 23/6/2022

Articolo successivo

Più educazione finanziaria per governare la crisi economica

0  0,00