Confesercenti: pagamenti pos, ridurre e azzerare le commissioni sotto i 50 euro

1 minuto di lettura

“Accanimento inutile”. Lapidaria la contestazione della Confesercenti sulla imposizione per le imprese di pagamento elettronico. “Dal 2014 ad oggi oltre 2 milioni di POS in più nelle imprese. Imprese già sostengono 772 milioni di euro di spesa l’anno in commissioni, esentare almeno transazioni fino a 50 euro”, scrive la Confesercenti.

Provvedimento inopportuno

“L’introduzione di sanzioni per chi non accetta pagamenti ‘di qualsiasi importo’ con carta e bancomat è un provvedimento inopportuno e iniquo”, commenta la Confederazione, “per le imprese più piccole, per le quali il costo della moneta elettronica – soprattutto sulle transazioni di importo ridotto – è già molto elevato: circa 772 milioni di euro l’anno, fra commissioni e acquisto/comodato del dispositivo”.

Aggravi e limiti alle imprese

“Con le sanzioni”, fa presente la Confesercenti, “non si limita dunque solo la libertà d’impresa, ma si introduce un ulteriore aggravio, visto che le attività saranno ora costrette ad accettare pagamenti via POS anche quando i costi sono eccessivi. Molte realtà del commercio e dei servizi, infatti, sono caratterizzate da margini molto stretti, che rischiano di essere fortemente ridotti o addirittura azzerati dal costo delle commissioni”.

Sanzioni e accanimento

Per queste imprese, l’introduzione di sanzioni, secondo la Confesercenti, “sembra un vero e proprio accanimento. Oltretutto poco utile alla causa della moneta elettronica, la cui adozione continua da anni a crescere ininterrottamente: tra il 2014 ed il 2021, anche senza multe, i POS nelle imprese sono più che raddoppiati, passando da 1,8 a 4,1 milioni”.

Aggravi sui bilanci

Una rivoluzione sostenuta, a giudizio della Confesercenti, “proprie spese dalle imprese, che hanno accettato aggravi importanti, con un costo medio legato all’utilizzo del POS compreso fra l’1% della transazione per i POS fissi e il 2,7% per i POS cordless di ultima generazione”. Si tratta inoltre di un costo con natura regressiva, che stando si calcoli della Confederazione, “che tende ad aumentare al ridursi delle dimensioni dell’esercizio. In termini assoluti, il costo per l’esercente arriva fino a 1081 euro, a seconda del tipo di dispositivo utilizzato e del relativo contratto, oltre che del volume delle transazioni”.

Azzerare e ridurre commissioni

Confesercenti è favorevole ad incentivare la moneta elettronica: “un vantaggio per tutti, visti i rischi di sicurezza derivanti dalla gestione del contante. La strada da percorrere, però, non è quella dell’imposizione, ma della riduzione delle commissioni applicate per l’accettazione di carte di credito e di debito, che dovrebbero essere azzerate per importi fino a 50 euro. Va promossa”, conclude la Confesercenti, “allo stesso tempo, la competizione tra carte di credito e di debito e i sistemi di pagamento tecnologicamente più evoluti, come quelli next-gen, il cui costo di utilizzo per gli esercenti è già oggi notevolmente inferiore, ma che rimangono ingiustamente esclusi dal provvedimento”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nel 2021 boom per il mercato immobiliare turistico

Articolo successivo

Beninati “Ai Giochi del Mediterraneo un risultato storico”

0  0,00