Scuola: aumentano studenti disabili, oltre 300 mila. L’Anief: «Ma troppi professori di sostegno sono precari»

1 minuto di lettura

La crescita è stata minima ma costante negli anni, segno tangibile dei tempi che cambiano. Dall’anno scolastico 2004/2005 a quello appena trascorso la percentuale degli alunni con disabilità sul totale dei frequentanti è salita dall’1,9% al 3,6%, vale a dire da circa 167mila unità a oltre 304mila a fronte di una diminuzione sullo stesso periodo degli alunni frequentanti. Con la crescita degli alunni con disabilità negli anni, è aumentato anche il numero dei docenti di sostegno anche se la maggioranza è a tempo determinato. L’ammontare di questi docenti è passato dall’8,6% nell’anno scolastico 2001/2002 al 20,3% nell’anno scolastico 2020/2021. È quanto emerge dall’ultimo rapporto del ministero dell’Istruzione, concernente gli alunni che frequentano le scuole italiane di ogni grado di istruzione: statali, paritarie e non paritarie iscritte in albo.

L’analisi di viale Trastevere sottolinea che per disabilità si intende intellettiva, motoria, uditiva, visiva e altro tipo di disabilità in cui sono inclusi problemi psichiatrici precoci, disturbi specifici di apprendimento certificati in comorbilità con altri disturbi e sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Lo studio riporta anche la dotazione organica dei docenti, che nell’anno scolastico 2020/2021, risulta complessivamente pari a 907.929 unità; di questi 184.405 sono docenti per il sostegno e 723.524 docenti su posto comune. Entrando del dettaglio della tipologia di contratto, nell’anno scolastico 2020/2021 dei 184.405 docenti per il sostegno, 80.672 hanno un contratto a tempo indeterminato e 103.733 un contratto a tempo determinato.

La quota di insegnanti per il sostegno a tempo indeterminato sul totale dei docenti per il sostegno è pari al 43,7%; nell’anno scolastico 2001/2002 il rapporto si attestava sul 60,8%.

Fin qui le cifre, che però l’associazione sindacale della scuola Anief legge in maniera diversa.

«I numeri dei posti di sostegno suddivisi tra i diversi gradi di istruzione, a livello territoriale italiano e della tipologia di contratto – osserva il presidente nazionale Marcello Pacifico – ci dicono che dal 2009/2010 la dinamica è stata di progressiva decrescita: nell’a.s.2020/2021 tale rapporto si è attestato sul valore di 1,50 alunni con disabilità per posto di sostegno mentre nell’a.s.2009/2010 si era attestato a 2,09».

Secondo l’Anief, dal focus risulta che aumenta la precarietà tra i docenti di sostegno: nel 2020/2021 dei 184.405 docenti per il sostegno, 80.672 hanno sottoscritto un contratto a tempo indeterminato e 103.733 un contratto a tempo determinato. «È evidente – commenta Pacifico – che ci troviamo di fronte a una contraddizione gravissima. Il problema è che all’incremento di alunni disabili, passati in pochi anni dal 2% al 4% rispetto al totale, lo Stato non ha organizzato una risposta adeguata di didattica speciale specializzando sul sostegno sempre pochi docenti. Come pure le immissioni in ruolo sono state inadeguate. E nello stesso tempo sono aumentati i posti in deroga, con scadenza 30 giugno, che non portano in ruolo ma aumentano il precariato».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Vittoria nel recupero, il Milan passa 3-1 in casa Empoli

Articolo successivo

Tragedia allo stadio in Indonesia, decine di vittime

0  0,00