Chiari (Cameo): “Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto”

2 minuti di lettura

(Adnkronos) – “La parità di genere e le tematiche ad essa affini rappresentano un impegno intrinseco all’azienda da ormai diversi anni, precisamente dal 2016. Ufficialmente, il nostro percorso verso la parità di genere prende avvio nel 2018: anno in cui Cameo è stata la prima azienda alimentare ad essere riconosciuta e certificata da un istituto privato per il trattamento e le ottime pratiche interne in ambito di Gender equality. Questo importante riconoscimento è stato il frutto di diversi anni di lavoro precedenti, anni in cui in azienda si è fatta sempre più solida la strategia e la progettualità rivolta a questo tipo di impegno, a tutti i livelli”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Monica Chiari, executive manager people & culture di Cameo. 

“Il nostro impegno -spiega Chiari- si è sempre fondato sull’analisi e sulla mappatura delle iniziative interne, analisi che ci ha portati gradualmente a delineare il percorso migliore da intraprendere e le azioni più efficaci per supportarlo al meglio. L’ascolto delle voci delle persone che compongono la nostra azienda è sempre stata la leva delle nostre decisioni. È da qui che siamo partiti anche per questo nuovo e importante riconoscimento”, sottolinea ancora la manager di Cameo.  

“Quando abbiamo appreso, infatti, dell’opportunità -spiega Chiari- di ottenere una certificazione nazionale abbiamo strutturato un percorso di workshop strategici che hanno coinvolto tutti i membri del leadership team che sono stati chiamati a contribuire alla definizione degli ambiti su cui investire come azienda sui temi della de&i”.  

E non è solo intervento messo in atto dall’azienda. “A seguire -spiega la manager- abbiamo erogato una survey rivolta all’intera popolazione aziendale che ha avuto come obiettivo quello di fotografare lo stato dell’arte: la situazione di partenza raccolta direttamente dal percepito interno”.  

Attività che sono state riconosciute anche all’esterno dell’azienda. “Lo scorso dicembre, a seguito di diversi step operativi e funzionali al risultato, cameo ha ottenuto la certificazione statale della parità di genere Uni/PdR 125:2022 rilasciata dal Consiglio dei Ministri (ministero per le Pari Opportunità): un nuovo punto di partenza che ci supporterà nell’avere una visione ancora più ampia su queste tematiche e su tutte le iniziative che possiamo mettere in campo al fine di ricreare un ambiente professionale sempre più inclusivo e attento alle esigenze dei singoli”.  

“Siamo molto soddisfatti di questo nuovo riconoscimento -spiega Chiari- e degli ottimi risultati che abbiamo ottenuto, sia in termini di posizionamento che di alto punteggio raggiunto già dopo la prima fase di audit e utilizzeremo questo come nuovo trampolino di lancio verso obiettivi sempre più sfidanti”. E per il futuro le idee sono chiare. “Dopo la survey rivolta a tutta la popolazione aziendale, vogliamo ora approfondire le evidenze emerse dal questionario attraverso una serie focus group. L’obiettivo è capire come possiamo fare ancora meglio. Il passo successivo sarà la definizione del nostro Manifesto per la parità di genere”, annuncia in conclusione.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sardegna, spoglio a rilento: da Ficarra e Picone a Spinoza scatta l’ironia del web

Articolo successivo

Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022

0  0,00