Borghi (Lega) risponde a Boldrini: “Ti racconto lo squadrismo contro di noi”

Politica

Laura Boldrini ha denunciato un presunto squadrismo di Salvini contro di lei e Claudio Borghi, economista e candidato con la Lega intervistato da Lo Speciale, rivela invece come lui per primo sia vittima dello squadrismo della sinistra. I toni si scaldano. Intanto l’Istat diffonde dati da cui emergerebbe un aumento di 25mila occupati nel 2017 con un boom di contratti a termine. La campagna elettorale sembra giocarsi anche sui dati economici, con il Pd che sembra sbandierare la crescita degli indicatori economici come un risultato concreto dell’azione di governo e le opposizioni che invece parlano di bluff. Il tutto come detto, condito da reciproche accuse di squadrismo, fake news e altro.

Borghi, secondo l’Istat ci sarebbero stati 25mila occupati in più nel 2017 con un boom di contratti a termine. Come commenta?

“Mi viene da ridere. Di fronte ad una lievissima crescita che vale la pena ricordare è l’ultima al mondo ed è quindi trainata da una congiuntura internazionale, sono aumentati solo ed esclusivamente i contratti precari. Ciò significa che quando ci sarà un rallentamento della crescita internazionale, tutti questi posti saranno persi. Le avvisaglie ci sono già”.

Quindi è un bluff?

“Più che un bluff è un’illusione. Siamo in presenza di una struttura del lavoro che diventa sempre più fragile. Siamo strettamente legati al ciclo internazionale, quando le cose andranno male, in Italia andranno sempre peggio. La recessione rischia dunque di essere mortale. Se le passate recessioni, soprattutto quella provocata dal Governo Monti, hanno segnato la fine di tante aziende, la prossima rischia di segnare la fine di tantissimi lavoratori. Avremo il tracollo finale”.

Renzi si è detto molto preoccupato di una vittoria di Salvini. Qual è a suo giudizio la cosa che spaventa di più il segretario del Pd?

E’ un ottimo segno. La paura nasce dal fatto che molte persone negli ultimi giorni si stanno avvicinando sempre di più alla Lega e posso confermarlo anche io che ho la fila fuori al mio ufficio e il pienone nei miei incontri, Siena compresa. Gli spostamenti degli ultimi giorni sono tutti in direzione della Lega. Ha paura semplicemente perché la nostra politica è completamente opposta alla sua e teme di non poter reggere il confronto. Considerando che la sua politica ha portato all’azzeramento di diversi risparmiatori, il fatto che la Lega sarà in grado di dimostrare come fosse possibile affrontare il problema tutelando gli stessi risparmiatori, certo non può fargli piacere”.

La Boldrini intanto ha dichiarato che siete poco credibili come patrioti nel momento in cui vi dichiarate amici di Orban e Kurz. Come risponde?

Essere amici di Orban per noi è un titolo di merito trattandosi di un leader che difende la propria moneta, la propria banca centrale e i propri confini. E’ ciò che vogliamo fare anche noi. Se la Boldrini ci attacca non può che farci onore”.

La Presidente della Camera ha anche accusato Salvini di fare squadrismo contro di lei e il capogruppo al Senato Centinaio di diffondere fake news sulla sua famiglia.

“Ma quale squadrismo, la Boldrini gira liberamente per le piazze e nessuno le dice niente. Siamo noi che dobbiamo ogni volta trovarci contro i centri sociali pronti ad impedire ogni nostra iniziativa. Stasera ho una conferenza a Livorno e il personale tecnico del teatro dove l’incontro si dovrà svolgere è entrato in sciopero, perché secondo loro non abbiamo diritto di parola. Io la conferenza la farò comunque, anche fuori al teatro, ma questo dimostra che lo squadrismo è soltanto contro di noi”.

Secondo gli ultimi sondaggi la Lega sarebbe avanti a Forza Italia. Ma pensa davvero che se questo scenario sarà confermato Berlusconi cederà automaticamente la leadership a Salvini nel momento in cui ha lanciato Tajani?

“I voti sono sacri e la volontà dei cittadini non si discute. Fa bene Berlusconi ad insistere con Tajani perché almeno gli elettori del centrodestra capiranno ancora di più che Lega e Forza Italia non sono la stessa cosa e che si tratta di due scelte diverse seppur unite da un programma comune. La mia impressione è che la Lega prenderà più voti di Fi e in questo penso ci stia aiutando anche Berlusconi proprio insistendo con la candidatura di Tajani”.

Quindi il vostro premier sarà Salvini e basta, oppure potreste accettare anche un nome super-partes che possa unire meglio la coalizione?

“Sarà Salvini e basta, perché gli elettori avranno votato lui. Dopo quattro premier non eletti dai cittadini, un quinto non ce lo possiamo proprio permettere. E’ vero che il nostro sistema è parlamentare, ma se ci si presenta con un candidato premier non si possono poi cambiare le carte in tavola. Noi saremo seri fino in fondo”. 

Condividi!

Tagged