Col governo giallo-verde andrà in crisi l’ideologia liberale

6 minuti di lettura

I cosiddetti “liberali di casa nostra” stanno andando in crisi. Chiunque si ostini ancora ad applicare i criteri assoluti del pensiero liberale e liberista alla realtà, alla politica, all’economia, ai numeri, sta sbandando. E conferma l’assunto che tale pensiero non era e non è una scienza esatta, non era e non è una religione (come la sua narrazione pretendeva di essere), ma unicamente una ricetta opinabile, come tante altre. Soggetta a cambiamento.

E lo si vede proprio ora, all’alba del governo giallo-verde, che sta sconvolgendo gli schemi, a partire da destra-sinistra, liberisti-statalisti. E soprattutto sta smascherando un’altra finta dicotomia: gli antiliberali non sono illiberali (statalisti, fascisti, comunisti etc), ma portatori di un’alternativa:

1) L’Europa. I rappresentanti del politicamente e culturalmente corretto (le caste di Bruxelles e i suoi adepti italiani, dai partiti agli intellettuali ai giornalisti che in ogni trasmissione tv e in ogni articolo schiumano rabbia), avevano diviso il mondo (e continuano a farlo) “in bene e in male”: da una parte, i sacerdoti del debito pubblico, della borsa, della Bce, del mercato globale, del consumatore globale, dell’impresa e del capitale liberati da ogni regola, i cultori-terroristi dello spread: dall’altra, i nazionalisti, gli xenofobi, i sovranisti, i sociali, gli amici di Trump, di Putin, condannati dalla storia e dalla modernità ad essere ghettizzati e demonizzati, senza speranza e senza futuro. Col governo Salvini-Di Maio, è finito questo perimetro e si è invertita la tendenza. Comincia a nascere un’altra Europa, libera federazione delle identità, delle sovranità, critica verso l’immigrazione che è diventata un’etno-sostituzione; col governo Salvini-Di Maio si assiste (almeno sulla carta) ad un certo recupero del concetto di pubblico, di Stato, di moralità civile, a un’idea diversa di opere pubbliche, di infrastrutture; valori e programmi combattuti da quel mondo che ci ha guidati finora (un esempio per tutti, la battaglia sulla Tav);

2) Economia. Le scelte sui ministri del nuovo esecutivo (Savona in primis), se saranno confermate e non stoppate dal capo dello Stato Sergio Mattarella, primo, daranno priorità agli interessi degli italiani; secondo, confuteranno sempre più l’assunto liberista che la “stabilità dei conti genera la crescita”. Risultato, il rigorismo di Monti, con tutti gli effetti che abbiamo conosciuto in termini di più povertà e di conflittualità sociale. Il contratto del nuovo governo spinge invece sul principio opposto: è la “crescita che genera stabilità”, anche a costo di aumentare la spesa pubblica, nel nome e nel segno dell’economia circolare. E per crescere bisogna necessariamente ridiscutere i parametri imposti dall’Europa, mettere al centro lo sviluppo e la giustizia sociale. Una bestemmia per certi liberisti e per i parametri della Ue;

3) Conte-premier. Finora la mistica individualistica, prima del 4 marzo, era coerente col pensiero unico (ideologico, economico, culturale). Tutto all’insegna dei desideri individuali, delle aspirazioni e realizzazioni personali soddisfatti, naturalmente dal modello unico economico liberal-liberista. A patto che i diretti interessati (politici, dirigenti, ministri) facessero parte, provenissero delle solite lobby (bancarie, finanziarie, imprenditoriali), nazionali e internazionali. Invece, se un uomo avanza a prescindere dai criteri istituzionali consueti, e dalle selezioni di Palazzo, come Conte, non va bene: non ha esperienza, si infierisce sul suo curriculum gonfiato e si sorride di fronte alle sue radici meridionali e alla sua devozione per Padre Pio. Dimostrazione che le caste sono sempre sostanzialmente classiste e razziste verso l’Italia profonda e tradizionale;

4) Conte premier-2. Prima la vulgata individualista discettava sull’impotenza del futuro presidente del Consiglio, pupazzo nelle mani di Salvini e Di Maio, relegato ad un mero ruolo di esecutore degli ordini politici. Una critica all’insegna di un governo politico e non tecnico. Ora, di fronte ad un governo politico guidato da un non politico, si stracciano le vesti proponendo un tecnico vero, esperto e tra le righe, gradito alla Ue. Nessuno ricorda che “il tecnico giusto” Monti, in funzione anti-berlusconiana, fu considerato il salvatore della patria e il suo governo fu votato da tutti i partiti, di destra e sinistra? E dove ci ha portato Monti? Adesso Conte, che ha partecipato al tavolo del contratto, che dirà la sua sui ministri e che aspira a diventare “l’avvocato del popolo italiano”, si è trasformato dal giorno alla notte in presuntuoso, decisionista, demagogico e populista. E’ ovvio, deve essere soltanto l’avvocato delle caste… democratiche, progressiste e laiciste;

5) Destra-sinistra. Ultimo elemento di destabilizzazione dei sostenitori del conformismo mediatico e politico: tentano disperatamente di ricondurre il nuovo governo, le sue scelte, i suoi uomini, le sue idee, agli schemi destra-sinistra. Come fa un uomo di sinistra ad amare Savona e un leghista ad amare Conte? Come mai Giorgetti e Fraccaro vanno d’accordo e il loro accordo non è di mera mediazione politica, ma presupposto per un qualcosa di più? Lo chiedano alle loro categorie morte.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Treno, è “disastro ferroviario” l’ipotesi di reato. Precedenti e allarmi

Articolo successivo

Violenta 90enne e minaccia badante, VIDEO portato come prova

0  0,00