Le parole di Cottarelli: “Fiducia, italiano, lista ministri, voto dopo Agosto”

In Rilievo

Carlo Cottarelli ha accettato l’incarico di premier da Sergio Mattarella dopo essersi recato al Quirinale. L’ex commissario alla spending review si è presentato alle 11.30 col trolley in mano dopo un viaggio in treno da Milano.

Si è detto subito “molto onorato come italiano“. “Ce la metterò tutta – ha detto – Il presidente mi ha chiesto di presentarmi in parlamento con un programma che porti il paese alle elezioni. Conto di presentare in tempi molto stretti la lista dei ministri”.

Poi ha proseguito: “Il presidente mi ha detto di presentarmi in Parlamento con un governo che porti alle elezioni. Farò in tempi brevissimi il governo e poi predisporrò il bilancio. Se non otterrò la fiducia mi dimetterò subito. Il governo manterrebbe una neutralità completa rispetto al dibattito elettorale. Mi impegno a non candidarmi e chiederò lo stesso impegno a tutti i membri del futuro governo. L’impegno è a portare il Paese alle elezioni dopo agosto. Da economista voglio rassicurare: i conti sono in ordine. Negli ultimi giorni sono aumentate le tensioni sui mercati finanziari, lo spread è aumentato, tuttavia l’economia italiana è in crescita e i conti pubblici rimangono sotto controllo. Un governo da me guidato assicurerebbe una gestione prudente dei nostri conti pubblici”.

Secondo gli esperti Cottarelli potrebbe scegliere la strada della riconferma alle nomine del governo Conte, ma solo in parte. Potrebbero rimanere in ballo i nomi di Giampiero Massolo agli Esteri ed Enzo Moavero Milanesi agli Affari Europei.

Spuntano invece nuove personalità che potrebbero piacere al presidente Mattarella: Annamaria Tarantola, Marta Cartabia, Paola Severino, Lucrezia Reichlin.

Intanto l’avvocato Conte, che è tornato al suo lavoro, ci ha tenuto a dire una cosa: “In bocca al lupo a Cottarelli? A chiunque, soprattutto all’Italia”. Non proprio un augurio pieno a chi lo ha sostituito.

 

 

Condividi!

Tagged