Chi appoggia Minniti, tutti ma nessuno: le ultime novità

Politica

Condividi!

Minniti l’uomo di Renzi per mettere in difficoltà il Pd più ostile all’ex segretario. Minniti l’uomo duro al punto giusto. E iniziano i primi endorsement: “Sono orgoglioso del lavoro fatto dai governi del Pd. Noi abbiamo stroncato il traffico di essere umani e lo abbiamo fatto grazie al lavoro del ministro Minniti, cui va un ringraziamento” ha detto Paolo Gentiloni, parlando a Piazza Grande, l’iniziativa di Nicola Zingaretti per lanciare la sua candidatura al congresso Pd, in un passaggio applaudito del suo intervento.

Tuttavia via una strada nuova non può essere un’abiura. Quindi siamo sicuri che Gentiloni appoggi Minniti? Per l’ex premier “il Pd non può autoassolversi, abbiamo perso molte partite e dobbiamo capire che sì, è vero, dobbiamo cambiare strada e farlo molto seriamente. Non una strada fatta di abiure, ci tengo all’onore del Pd e a quello dei suoi governi, abbiamo risanato l’economia. Quei risultati  – ha fatto sapere – ci sono e non dobbiamo vergognarcene: abbiamo stroncato il traffico di esseri umani con un lavoro di cui sono orgoglioso e di cui ringrazio il ministro Marco Minniti che ne è stato protagonista”.

Insomma da bravo ex Margherita, non vuole perdere nessuno per strada, ma usa una comunicazione non contro, ma “per”… per costruire il nuovo partito di sinistra, ci sia chi ci sia.

Ma a Piazza Grande passava un altro candidato… che ha voluto dire la sua. E’ Matteo Richetti, per il quale “le primarie sono un momento di confronto e anche di ascolto: gli avversari si sfidano sui contenuti con l’ascolto delle proposte che si fanno, anche perche’ domani l’impegno sara’ comune”.

A chi gli chiedeva un commento sulla possibile candidatura di Marco Minniti ha risposto: “Gli dico in bocca al lupo, come lo faccio a tutti i candidati che sono, prima che sfidanti, colleghi del mio partito. Quindi, l’importante è che ognuno si metta in campo con una proposta chiara sulla quale confrontarci: ben vengano più proposte dentro al Pd”.

 In tutto questo, spunta un ironico post di Matteo Salvini, che se la ride e prende in giro i dem: “L’indagine sulle gravi irregolarità di #Riace – scrive – e del suo arrestato sindaco, erano state avviate da #Minniti, mio predecessore al Viminale e oggi possibile segretario del loro partito? Lo dice anche La Repubblica”….

Insomma non è tutta deportazione leghista quel che luccica.

 

Tagged