I difensori della SeaWacht in rete contro Salvini ma sbagliano hashtag

2 minuti di lettura

Un governo, che meriti questo titolo e che si assume le proprie responsabilità favorisce lo sbarco della Sea Wacht o no? Mentre c’è parte dell’opposizione che chiede al Parlamento di istituire una commissione di inchiesta sulle stragi nel Mediterraneo e sull’operato dei libici attaccando il ministro dell’Interno Matteo Salvini e parlando di strage di stato, anche gli italiani hanno la propria opinione.

Quanto all’accusa di disumanità non tocca più il vice premier, ne ha sentite in questi sette mesi di lavoro, dice lui. Per lui salvare vite significa bloccare le partenze e su Sea Wacht, rassicura lui, “non ci sono né donne né bambini”.

Ecco l’opinione della rete che twitta con l’hashtag sbagliato (per volontà o errore?):

Marta Moriconi

La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sea watch, parla G.Chiesa: “Sequestro inevitabile. Ci sono colpe gravi”

Articolo successivo

Il responsabile per la transizione digitale: ruolo chiave per l’innovazione nella PA

0  0,00