Il giorno del (pre)giudizio sul reddito di cittadinanza. Quali reazioni

2 minuti di lettura

Oggi è il giorno del reddito di Cittadinanza. Giorgia Meloni è la prima a scendere in campo contro la misura del governo giallo-verde, che definisce “un modo per comprare il voto della gente, un ricatto ai siciliani” perché, spiega, “questi soldi non ci sono”. “Il problema in una terra come la Sicilia – osserva – è che il lavoro non c’è. I siciliani non vanno mantenuti con il ‘metadone’ del Reddito di cittadinanza, dopo il quale resteranno poveri e disoccupati. Ci vogliono le infrastrutture di cittadinanza”.

Insomma per la leader di Fratelli d’Italia si tratta di una droga. E per gli altri? 

Per Luigi Di Maio è ovviamente diverso. Si tratta della “prima card nella storia della Repubblica per il reddito di cittadinanza e ci saranno tanti cittadini che aderiranno a quota 100”.

Ma è Beppe Grillo, dal suo Blog, a tracciare il nuovo orizzonte: “Il vero spettro che aleggia sul sistema sociale di tutti i paesi industrializzati si chiama ‘automazione’, torna ad ammonire. “I processi produttivi e di erogazione di servizi stanno cambiando così velocemente che nessuno di noi sa bene cosa succederà tra 5 anni. La riposta a questa insicurezza cosmica potrebbe essere il reddito Base Europeo. Un reddito concesso incondizionatamente a tutti i cittadini dell’UE e ai residenti legali a lungo termine”.

Ci pensa MariaStella Gelmini però a infrangere il sogno: “I provvedimenti del governo – al netto del decreto sicurezza, delle misure sull’immigrazione e della legittima difesa – stanno creando gravi danni all’economia, sfasciano i conti pubblici, premiano un assistenzialismo inutile e bloccano crescita e sviluppo. Quindi io credo che per Salvini sia giunto il momento di fermare la deriva grillina”.

E l’economista forzista Brunetta avverte: “La Lega rompa con i Cinque Stelle o basta patti locali”. 

Marta Moriconi

La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Da Savona a Moavero. I tempi di un Conte-2 si avvicinano

Articolo successivo

Un valzer tra gli scaffali, è il Film della Critica SNCCI

0  0,00