Ong e sbarchi. Le mosse di Salvini per non diventare Higuain fuori forma

Politica

Condividi!

Cosa c’è di vero nello scontro tra Matteo Salvini ed Elisabetta Trenta? Di certo, la provenienza, la strategia, la comunicazione, le idee.

Come è noto, Lega e 5Stelle hanno posizioni diverse. Su tutto (e il contratto non è detto che regga a lungo). Magari, col senno di poi, per dna, sarebbe stato meglio un diverso ministro della Difesa, ma le geografie poltronesche spesso e volentieri sono illogiche.
L’ultimo scontro sulle Ong è emblematico non solo di un problema, ma di una narrazione che nel gioco delle parti è stata svelata.

Vediamone i punti, ripartendo dalla cronaca.
Su Facebook il ministro degli Interni, a proposito dei recenti sbarchi (da Carola in poi, fino al veliero Alex di Mediterranea e Alan Kurdi), si era lamentato col mondo e col ministro della Difesa di esser stato lasciato solo: “Io posso indicare un porto sicuro e bloccare uno sbarco non autorizzato, ma le Forze Armate in mare non dipendono da me”.

Parando il colpo rispetto alle accuse crescenti di abbaiare e non mordere, rischiando la delusione presso quegli italiani che al momento, in modo maggioritario, gli stanno dando fiducia.
Frasi subito rintuzzate dal sottosegretario pentastellato Manlio Di Stefano: “La Difesa non c’entra, è la Guardia di Finanza che svolge attività di polizia del mare. Dunque, Salvini doveva chiedere aiuto al ministero dell’Economia”. E da qui la famosa metafora calcistica su “Maradona e Higuain fuori forma”.

Insomma (una bacchettata non da poco), Salvini non solo è fuori forma come Higuain e crede di poter giocare come Maradona, ma non è nemmeno preparato.
Sulla stessa lunghezza d’onda, il ministro Trenta che, dal canto suo, ha ricostruito diversamente le fasi concitate che hanno preceduto i suddetti sbarchi: “Senza la missione Sophia torneranno le Ong. Salvini non ha voluto ascoltare e ora si lamenta”.

Questo a livello generale; nello specifico ha colpito più duramente: “E’ sorprendente che adesso torni ad attaccare i militari, dopo che siamo stati noi a chiedere al Viminale se volevano supporto per il trasbordo dei migranti a Malta, visto che nessuno veniva a prenderli. E poi noi abbiamo Mare Sicuro che continua la sua azione di assistenza alla guardia costiera libica”.

Cos’è la missione Sophia? Lo ricordiamo per i lettori: è una operazione militare lanciata dalla Ue dopo i naufragi di diverse navi che trasportavano migranti dalla Libia nel 2015. Lo scopo della missione era individuare e distruggere le navi degli scafisti, ma a marzo è stata prorogata senza prevedere l’uso di imbarcazioni.
Una domanda, tra le righe, sorge spontanea: come si fa a combattere gli scafisti in mare senza imbarcazioni?

Salvini cosa ha mediato? Niente affatto: ha confermato il no al ripristino della missione Sophia: “Diventa il taxi dei migranti. Li soccorre e li porta da noi”. Come dire, discorso chiuso.
Quindi ormai siamo al muro contro muro. E non è solo una questione di competenze. Riguarda pure la concezione dell’integrazione e della sicurezza internazionale nel loro insieme.

Abbiamo capito che la missione Sophia non sarà ripristinata. Che la Guardia di Finanza non risponde a Salvini e la Marina si trova in una fase di stallo. Se a questo aggiungiamo una parte di opinione pubblica e della magistratura che militano nel partito dell’accoglienza a tutti i costi, il dato è tratto.

Infatti, il ministro degli Interni sta tentando di spacchettare il tema: sganciando l’iter sanzionatorio dal processo penale. Come? In caso di violazione delle nuove norme introdotte dal Decreto Sicurezza-bis, intende far scattare il fermo amministrativo del mezzo. Una mossa che costringerebbe le Ong a pagare una multa salata per riavere le imbarcazioni sequestrate.
In sintesi, se la legge non è sufficiente a fare costume, i soldi educano.

l Decreto sicurezza-bis sarà quindi, per Salvini il cavallo di Troia per arginare un’immigrazione che si annuncia sempre più ideologica (la sfida delle Ong), e per evitare che certe sentenze siano il disco verde per l’impunità mascherata da solidarietà.

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.