Corona virus. Gli effetti diretti e indiretti di un dramma (dal Mes a Draghi)

Politica

Di solito gli eventi si giudicano dagli effetti. Si chiama gestione politica. Di terremoti, crisi economiche, guerre, pestilenze etc.

Quali sono, ad esempio, gli effetti della comunicazione di Conte? Panico, confusione. Da una parte, bisogna capire il momento; nessuno tra politici, esperti, virologi, scienziati, operatori del settore, ha la ricetta magica. Dall’altra, ci troviamo di fronte a qualcosa di incontrollabile e ingovernabile (il vaccino sembra una chimera).

C’è da dire però, che il premier quando rassicura ottiene sempre il risultato opposto. E’ stato programmato per narcotizzare, ma con lui assistiamo quotidianamente ad una triste eterogenesi dei fini. Mentre, viceversa, Salvini, Berlusconi, Trump, funzionano unicamente con l’ottimismo della volontà e l’indignazione della pancia; qui invece, la gente da settimane è pessimista e ha bisogno di rassicurazione. Ergo, ogni leader fallisce i suoi scopi. Sia i buonisti, sia i cattivisti.

E poi, perché 9 mila pugliesi sono scappati da Milano a causa delle bozze del provvedimento “Resta a casa”, che qualcuno ha fatto circolare? Perché di notte tantissimi romani hanno affollato in modo isterico e irrazionale i centri commerciali? Solo per ignoranza o perché non si fidano di ciò che viene detto e fatto?

Sicuramente c’è una cospicua parte di nostri cittadini che resta e resterà a vita, individualista, resistente ai cambiamenti, alle regole, al primato del bene comune, dell’interesse generale, all’autorità dello Stato. Gente che si comporta in modo incivile mettendo al primo posto il proprio particolare (familismo).
Ma c’è pure una larga parte di cittadini che pensano ancora con la loro testa.

La Cina, considerata un esempio spregevole di come si possa nascondere un dramma, adesso (lo vediamo in tv e leggendo i giornali), improvvisamente sta diventando il modello coercitivo da imitare, per sconfiggere il Corona virus. Ma qualcuno dimentica che la Cina è una dittatura. Bisogna quindi, trasformare l’Italia in una dittatura emergenziale?

Come mai gli Usa annunciano 20-30mila soldati in Europa, per manovre Nato non meglio identificate; marines senza mascherina?
Sono già vaccinati e vogliono impedire il ruolo sempre più determinante di Putin, nel quadro di una nuova guerra fredda dopo le note vicende libiche, che hanno stravolto gli assetti geopolitici tradizionali?
Quali sono poi, le nazioni a oggi demonizzate dal resto del mondo? Cina e Italia. Guarda caso, qualcuno ricorda la via della seta? O non c’entra nulla? Solo supposizioni, congetture complottiste?

Ripetiamo, le cose si vedono dagli effetti. Non a caso da noi si respira un clima simile a quello che ha accompagnato in passato le nostre crisi politiche ed economiche più gravi al tempo di Tangentopoli, o degli errori di Berlusconi (la mistica dello spread); clima che ha generato l’irrompere di tecnici salvifici alla Monti, organici ai poteri forti che hanno commissariato di fatto la democrazia, ovviamente per una “buona causa”: risanare i conti.

Il Corona virus ci sta portando dritti-dritti ad auspicare l’intervento di Draghi? Sicuramente in prospettiva a un governo forte, alla temporanea compressione dei diritti e delle libertà.
Giusto: l’emergenza necessita di unità del comando, velocità ed efficacia delle istituzioni. Ma dopo?
E cosa succede il prossimo lunedì in Europa? Al primo posto dei lavori previsti, l’accordo sul Mes, e solo al terzo posto la trattazione dell’emergenza-virus.

Ma le due cose sono legate. Il meccanismo di stabilità sarà venduto come la panacea, il piano Marshall-Salva Stati per far ripartire la nostra economia e non solo. Ma in cambio le nostre scelte economiche saranno totalmente eterodirette e decise da Bruxelles. E fino a quando saremo indebitati per restituire il prestito? Quante tasse causerà la crisi?
Giusto, sbagliato perdere del tutto la nostra sovranità?
I principi non si toccano: il Corona virus è partito globalista e merita risposte globaliste, non sovraniste.
Ma il prezzo sarà durissimo. 

Condividi!

Tagged