Arriva il lockdown, le fasce di rischio cambieranno

Politica

Le fasce di rischio saranno cambiate. E’ quasi sicuro ormai, se non una certezza. Lo ha fatto capire Walter Ricciardi, super consulente del ministro della Salute Roberto Speranza e professore ordinario di Igiene alla Cattolica che ha dichiarato: «I posti letto sono già saturi, il rinvio di ricoveri e interventi sta già facendo aumentare del 10% la mortalità per malattie oncologiche e cardiovascolari».

La cartina dell’Italia sta per cambiare i colori.

«Non è un algoritmo – ha detto Ricciardi – ma un sistema di 21 indicatori, scientificamente inappuntabile, in grado di segnalarci dove ci siano situazioni di difficoltà o di espansione epidemica fuori controllo. Ma il sistema per funzionare ha bisogno di essere alimentato tempestivamente da dati completi. Quello che si può fare in questa fase è raffinarlo e semplificarlo. Ma le decisioni si prendono in base a considerazioni epidemiologiche, non politiche».

Ma sia chiaro: «Servono dei veri lockdown cittadini e spetta ai governatori proclamarli. Vedo troppa gente ancora in giro per le strade. Nelle grandi città, penso soprattutto a Milano, Genova, Torino e Napoli serve agire con decisione e farlo presto».

Il che significa che le semplici raccomandazioni non sono bastate e fermare in un attimo tutto dove la situazione è già fuori controllo è l’ unica soluzione possibile.

D’altronde già oggi la mortalità per le malattie cardiovascolari e oncologiche è aumentata del 10% e non si può più aspettare. Le persone fragili rimangono esposte e per loro occorre fare di tutto.

Per uscire dal tunnel servirà buona parte del prossimo anno, ne è sicuro Ricciardi.

Intanto a livello economico siamo a rischio esplosione sociale anche se i decreti Ristori sono stati coperti rimanendo nell’ ambito degli scostamenti di bilancio già autorizzati dal Parlamento. Quanto alla legge di Bilancio, arriverà in Parlamento questa settimana e seguirà il “doppio binario” già previsto. E se le misure restrittive saranno prorogate? Pare ci sarà una valutazione anche sulle scadenze fiscali di dicembre.

 

Condividi!

Tagged