Centro-destra. Ecco i motivi per non votarlo alle prossime elezioni. A meno che…

5 minuti di lettura

Spiegate un solo motivo per votare centro-destra alle prossime elezioni. E’ ormai un’Armata Brancaleone senza coesione (e non solo per la partecipazione al governo Draghi). Un “triangolo anomalo”, dove i leader e le classi dirigenti, tra l’altro alle prese con violentissime polemiche intestine, da tempo non si sopportano tra loro, sfiancati da una guerra all’ultimo sangue, che ha come fine il controllo e la guida dello schieramento.

Fi è ormai definitivamente secondaria nei giochi che contano. Il mastice moderato, centrista, post-cattolico e liberista, appartiene a un vecchio schema, quello del 1994, quando Berlusconi guidava un partito maggioritario ed era a pieno titolo il più forte in termini di consenso elettorale. Poi, gradualmente e inesorabilmente, dalle esperienze governative a quelle di opposizione, si è rivelato il tappo e il viatico del centro-destra.

Al momento gli azzurri sono minoritari a livello di voti e divisi tra un’ala liberal-laicista che guarda preferibilmente a Calenda e Renzi, e una più conservatrice che resta ferma. L’appoggio a Draghi, finora, sta unendo tutte le sue componenti. Ma è soltanto una tregua armata e a termine, visto che il Dna del gruppo è ancora a trazione sovranista, nonostante i vulnus della gestione Salvini e Meloni e i recenti flop elettorali alle amministrative.

Salvini “di lotta e di governo” sta perdendo i pezzi per strada. Da un lato, deve gestire il fronte del Nord e Giorgetti, che aspirano, al prossimo congresso, a una linea europeista, filo-Ppe, modello Dc2.0; dall’altro, deve rappresentare quel corpaccione a lungo vellicato con una comunicazione aggressiva, di fatto fascistoide, che vede migranti, delinquenti, Bruxelles e ossessione vaccinista, come fumo negli occhi. Buchi neri che potrebbero portare i suoi a veleggiare verso Fdi.

La comunicazione “post-Luca Morisi” del Capitano non regge più. Può illudere i suoi elettori, confinarli in una bolla impolitica, ideologicamente gratificante, ipotizzando rivoluzioni che non si verificheranno mai, ma a conti fatti, tutti si sono accorti che Draghi lo sta immunizzando, narcotizzando, commissariando, come sta facendo anche con gli altri partiti.
Ha ceduto su immigrazione, sicurezza, Green-pass, quota 100, e continua a dire che è d’accordo col premier e che il premier sta facendo le cose che lui sostiene. Le bugie hanno le gambe corte. E i suoi elettori se ne sono accorti da un pezzo.

La Meloni, dal canto suo, oscilla tra un’opposizione dura, per aggregare un dissenso sostanziale a Palazzo Chigi. Ma mai così tanto per diventare la voce di quell’italiano su due che considera inutile il proprio voto; la voce di quella mezza Italia che viaggia tra area no-vax, area “no-green-pass”, lavoratori che ritengono la Triplice una pletora di traditori (modello-Trieste), cattolici estranei e ostili all’attuale pontificato, sovranisti delusi e sinistri delusi.
Un magma che sfugge a qualsiasi controllo e che per ora non ha bandiere e punti di riferimento.

E, sempre la Meloni, galleggia dentro una “collaborazione patriottica”, priva di mordente. Come dire, sui provvedimenti più o meno utili Fdi votano sì, su quelli fastidiosi, no. Così non si va avanti a lungo.
Con tali presupposti il centro-destra pensa di vincere alle prossime politiche?

Da che mondo e mondo, la governabilità coerente è figlia della omogeneità culturale. Possono convivere in una medesima squadra, liberisti, sociali, statalisti, liberali, europeisti, euroscettici, cattolici, laicisti? Si può vincere, ma non si governa. E ancora, l’aver governato con Draghi, esecutivo di tregua, non produrrà effetti tra Fi (coerente), Lega (ambigua) e Fdi sul versante opposto. Sono sicuri Meloni, Salvini e Berlusconi che alle future politiche, il centro-destra, così come strutturato, vincerà?
Oppure faranno ricorso a un candidato-premier terzo-falso-civico, tipo Michetti? Un altro modo per continuare a suicidarsi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Gli Usa non hanno più un solo nemico: ora è due contro uno

Articolo successivo

Lakers all’overtime, Warriors inarrestabili

0  0,00