Renzi Vs Conte, è sfida a colpi di domande

3 minuti di lettura

Il lupo perde il pelo ma non il vizio è il caso di dire……e allora ecco che il Movimento 5Stelle ha preso la palla al balzo per attaccare Matteo Renzi in merito all’inchiesta sulla fondazione Open. E lo ha fatto ponendogli 13 domande a cui il leader di Italia Viva è invitato a rispondere.

La lista delle domande è stata pubblicata sul blog ufficiale dei 5S alla luce di quanto emerso dagli atti dell’inchiesta. I pentastellati invitano l’ex premier a rispondere  “a garanzia dei principi di piena trasparenza e accountability, che devono contraddistinguere l’operato di tutti i politici e che sono fondamentali per alimentare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella classe politica. Su questi aspetti il Movimento 5 Stelle non è disponibile ad arretrare di un millimetro”.

Altro dunque che svolta garantista, i 5S non sembrano aver perso affatto l’anima giustizialista che li ha sempre ispirati in questi anni, specie quando nel mirino c’è colui che ha fatto cadere il governo Conte 2, ha impedito all’attuale leader del Movimento di restare a Palazzo Chigi, ha spalancato le porte a Draghi e ora rischia pure di aiutare il centrodestra ad eleggere un Capo dello Stato non gradito ai grillini.

“La politica non può essere solo questione di rispetto delle norme, penali in particolare – chiedono ancora sul blog – Per noi la politica, in via primaria e imprescindibile, è questione di rispetto della dignità delle persone e di disciplina e onore. In definitiva, è questione di etica pubblica. Senza coscienza morale, il nostro Paese non ha futuro“.

Renzi però non si è fatto pregare e ha controreplicato. Ma non ha risposto alle 13 domande, bensì si è detto disponibile a farlo in un confronto pubblico annunciando altre 13 domande pronte per il leader pentastellato. “Giuseppe Conte ha preparato per me 13 domande – ha replicato Renzi – sarò felice di rispondere in un confronto in diretta tv. Aspetto la sua proposta di data e nel frattempo preparo le 13 domande per lui, dalle mascherine al Venezuela. Sono certo che non scapperà dal confronto democratico. Vero?”.

Una bella sfida non c’è che dire, anche perché se prima i 5S avevano dalla loro la totale estraneità al sistema, dopo aver governato tre anni e mezzo con tre diverse maggioranze, forse anche dalle loro parti cominicia a non essere più tutto oro ciò che luccica. E chi di spada ferisce…..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

I luoghi del cuore sui vasetti Nutella, sindaci Nord “Orgogliosi”

Articolo successivo

Mondiali2022: Nazionale.Ascolti,quasi 11 mln per Irlanda del Nord-Italia

0  0,00