/

Fecondazione assistita per donne single: è egoismo?

1 minuto di lettura

Fecondazione assistita per donne single consentita in più di 10 paesi europei, ma non in Italia. La legge n. 40/2004, infatti, consente il ricorso alla procreazione artificiale solo alle coppie maggiorenni, di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi. Ecco che le coppie omosessuali e soprattutto le donne single vanno a “procreare” fuori dall’Italia, in Spagna ad esempio, dove questo è consentito dalla legge.

É giusto dare alla luce un bambino che non potrà crescere con il padre biologico?

A questo punto il mondo si divide in due, c’è chi appoggia le donne che decidono di intraprendere questo percorso e chi invece no. C’è chi sostiene che si tratti di un puro atto di egoismo nei confronti del bambino e chi, invece, ritiene che sia un gesto d’amore. Chiaramente in questo caso non esiste giusto o sbagliato in quanto stiamo parlando di punti di vista, è però vero che, se ci interroghiamo sulle dirette conseguenze di tale scelta, un’idea su quale delle due posizioni sia più giusta potremmo farcela.

Cosa comporta crescere senza una figura paterna?

Studi affermano che l’assenza del padre nella vita di un bambino provoca una grave mancanza. Si parla infatti di un vuoto psicologico determinato da una figura che, in questo specifico caso, non può esercitare il proprio ruolo e che può quindi lasciare nel figlio numerose ferite. Un padre assente genera incongruenze, vuoti e difficoltà nel comportamento. Questi bambini diverranno adulti condizionati dalla paura di rimanere soli, schiavi dell’idea di non valere abbastanza e di non meritarsi affetto. Una delle conseguenze peggiori è sicuramente quella dell’attaccamento “malato” al futuro partner, mantenendo relazioni che non sono né buone né significative. Potranno quindi sviluppare una dipendenza affettiva.

Prima di fare un passo così importante occorre riflettere sulle possibili conseguenze che le nostre scelte avranno sul futuro bambino. È veramente un’atto d’amore far crescere un figlio senza il proprio padre biologico?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Fifa. Argentina in testa al ranking, Italia resta nona

Articolo successivo

Cosmoprof torna nel marzo 2024, a Bologna la fiera dedicata all’industria beauty

0  0,00