Dati Comunali 10 giugno 2018, chi vince e chi non perde

Politica

Chi vince e chi perde nelle urne delle Comunali del 10 giugno 2018? Salvini e company sono i grandi conquistadores, M5s perde pezzi, Berlusconi prepara le novità per non sparire, la sinistra resiste qua e là ma perde in Umbria e rischia Siena.

Andiamo di dato in dato. Partiamo da destra. 

A Treviso Mario Conte conquista la poltrona di sindaco facendo tornare al potere la Lega dopo la parentesi di Giovanni Manildo. A Vicenza Francesco Rucco (Cdx) evita il ballottaggio, idem a Sondrio dove Marco Scaramellini è in netto vantaggio ma sotto la soglia del 50% poi ci sono Viterbo, Cinisello Balsamo, Sondrio, Terni, Brindisi, Catania e Siracusa.

Ora il centrosinistra.

Bene Ancona, Siena va al ballottaggio e Brescia con Emilio Del Bono (Pd) che ha ottenuto la riconferma al primo turno con il 53,9%. Nella rossa Toscana tutti i candidati sono intorno al 30%. La sostanza è che il Pd continua ad arretrare rispetto al voto del 2013 quando conquistò 14 dei 20 capoluoghi al voto. Ora, invece, come detto perde Catania. A Massa Carrara si profila un ballottaggio tra Alessandro Volpi e Francesco Persiani del centrosinistra. A Imola, provincia di Bologna, inedito ballottaggio tra Carmen Cappello del Pd e Manuela Sangiorgi del M5S.

Ballottaggi tra centrodestra e centrosinistra a Sondrio, Teramo, Brindisi.

E il Movimento 5 Stelle? Non vince, ma neanche perde. A Roma malissimo. Nell’VIII dovrebbero arrivare già al primo turno la vittoria della sinistra con Amedeo Ciaccheri sopra il 54%. Il Movimento Cinque Stelle mostra difficoltà sul territorio, esce dai ballottaggi col tonfo nei Municipi romani di Montesacro e Garbatella.

A Fiumicino va male all’esponente dei 5 Stelle Fabiola Velli.  A catania Salvo Pogliese dato al 51,66% delle preferenze, seguito dal sindaco uscente Enzo Bianco del Pd (26,81%), Giovanni Grasso del M5s (16,22%). Ballottaggio tra il Movimento 5 Stelle e il centrodestra a Pomezia. M5s conquista Pantelleria però.

Condividi!

Tagged