claritomicina antibiotico capsule dosaggio favismo farmaci antibiotici comprar cialis generico 60 mg cialis 20 mg prezzo in farmacia italia posso comprare antibiotico senza ricetta si possono prendere gli antidepressivi in farmacia viagra economico online italia pagare bancario italia cialis generico levoxacin 500 mg antibiotico prezzo quando tempo prima si prende il viagra italia consumo antibiotici in europa quale posto pillole viagra prezzo esiste il cialis generico in farmacia italia antibiotico resistenza comprare viagra a dubai prende viagra x tori cialis 5mg senza ricetta antibiotico naturale farmacia viagra online trackid sp 006 farmacia online sicura viagra cialis 20 mg come prenderlo e con che frequenza levitra in italia con contrassegno qualcuno compra online cialis generico cialis originale e cialis generico hanno lo stesso effeto cialis da 5 mg online viagra 100 mg aquisto online mutazione genica per generare l'antibiotico resistenza compra viagra roma negozio farmaci zambon antibiotici cialis soft tabs online farmacia lloyds prezzo cialis 5 mg.28 cp farmaci antivirali topici per occhi onicomicosi crema antibiotica unghie della farmacia antidepressivi acquistabili online viagra come si po comprare senza ricetta

Governo. Il primo effetto-Draghi è la fine dei partiti, il secondo il Colle

4 minuti di lettura

L’effetto-Draghi si vedrà tra poco. Tra qualche mese, quando toccheremo con mano il valore dei suoi provvedimenti. Per ora abbiamo notizie incerte, altalenanti. Da una parte, ha sicuramente imposto un cambio di passo, a cominciare dalla comunicazione, opposta a quella napoleonica da Grande Fratello di Conte; dall’altra, ha dovuto accettare non pochi compromessi nella faticosa composizione del governo che, sulla carta, doveva essere molto più tecnico. Compromessi tutti mirati a non stravolgere gli equilibri politici dei leader che devono e dovranno appoggiarlo.

Ma un dato è certo, il vero effetto-Draghi, almeno da subito, è la decomposizione e lo sfaldamento irreversibile dei partiti attuali.
Il bipolarismo italico ha conosciuto tante fasi: con Berlusconi, grazie al Mattarellum, dopo “secoli” di centro (centro-sinistra) contro la sinistra, si era avuto il centro-destra contro il centro-sinistra (la famosa democrazia dell’alternanza). Poi, con la cosiddetta terza Repubblica, il bipolarismo è stato essenzialmente “alto-basso”, popolo contro casta (l’ex collante tra Lega e 5Stelle). Adesso? L’esperienza giallorossa sembrava aver riportato le cose a prima: area sovranista contro area riformista.
Draghi invece, ha cambiato di nuovo. C’è il partitone di Palazzo Chigi, un pezzo della destra all’opposizione (Fdi), più pattuglie sparse di sinistra e gruppo misto.

Il centro-destra è diviso: Lega e Fi stanno al governo, nel nome della ricostruzione nazionale; la Meloni è in splendido e ideologico isolamento. La sinistra appoggia compattamente il premier. Stessa cosa per i grillini.
Ma non è oro quello che luccica. Dentro la buccia sono in movimento forze telluriche terrificanti. Che preludono a un mutamento radicale a 360 gradi.

I dem stanno conoscendo la fase più dilaniante della loro storia, già caratterizzata da mille scissioni, mille tagli di sigle e di capi. Un contenitore senza più idee, identità, riferimenti alti. Con un segretario dimissionario, Zingaretti, che si vergogna del suo partito e dei suoi collaboratori, l’unico che ha le idee è e resta, Bettini.

Cosa immagina lo stratega di vecchia data? Approfittando dello stravolgimento interno al Nazareno, vede l’occasione per rifondare il Pd. Consiglio che dà a Zingaretti: rompa il giocattolo, si candidi a vincere al prossimo congresso, rimettendo dentro la Ditta (D’Alema, Bersani), facendo nominare un reggente, appunto di “rottura”, come la Finocchiaro, oppure il più a sinistra, Orlando. Oppure un elemento di mediazione come la Pinotti. E poi, si vedrà.

Medesimo rebus per i grillini, spaccati in due, tra seguaci indomiti di Grillo, che ora devono ingoiare pure Conte, benedetto dal guru, come il Salvatore della patria, e resistenti-ribelli, che hanno trovato una sponda nel giovane Casaleggio, ardimentoso di recuperare l’anima movimentista dei primi tempi, stanco di farsi gestire la piattaforma solo per le mire di Di Maio (appoggiare ogni governo), e inventore del manifesto Controvento. Conte, dal canto suo, ha fatto capire che non intende dividere il comando con nessuno. Sua sarà la responsabilità del progetto ecologista, moderato, liberale, sua sarà la colpa se non decolla.

Ancora al momento pacate e tiepide le reazioni a destra, circa la svolta governista e filo-europeista di Salvini. Siamo ancora a livello di piccole transumanze orizzontali tra Fdi e Carroccio. Da mesi in competizione elettorale interna.
Ma se il primo effetto-Draghi è il terremoto, il secondo, prima dei risultati dei suoi provvedimenti, sarà certamente la definizione di una maggioranza che lo porti direttamente al Quirinale. Così se l’effetto delle sue leggi, del suo Recovery sarà alla Monti, cioè negativo, passerà con stile e compostezza da un colle all’altro.

Fabio Torriero

Come giornalista, ho attraversato la comunicazione a 360 gradi (carta stampata, tv, radio, web). Ho lavorato presso Cenacoli, Fondazioni (Fare Futuro), sono stato spin doctor di ministri e leader politici, ho scritto una ventina di libri (politologia, riforme etc.) e i miei direttori storici e maestri sono stati Marcello Veneziani e Vittorio Feltri. Insegno all'Università comunicazione politica. Il giornalismo online è la mia ultima vocazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sileri “Non utile lockdown in tutta Italia per 4 settimane”

Articolo successivo

Il fallimento della Ue spalanca le porte a Sputnik, il vaccino russo: “Basta pregiudizi”

0  0,00